• 574
    Shares

Anche questa estate, 2019, giunge il consueto numero speciale e doppio di “Rumore”: due mesi in edicola, luglio/agosto. Come sempre al giornale alleghiamo qualcosa che possa abbracciare tempi di lettura più dilatati. Tornano quindi le nostre preziose guide pratiche. Dopo un anno di pausa registriamo con grande piacere il ritorno di Diego Ballani (già autore di alcune guide “rumorose” in passato), che riprende in mano un discorso lasciato in sospeso nell’estate del 2018 e più che mai attuale: la musica italiana. Torna quindi Italia Sotterranea. Si tratta di una serie di tre volumi, divisi cronologicamente: siamo partiti un anno fa dagli anni ‘60 e ‘70, andando alla ricerca di dischi speso dimenticati, non disponibili, a torto considerati minori, ma che hanno generato il DNA della musica nazionale. Ora arriva in edicola la seconda puntata del viaggio, sempre meno distante dalla contemporaneità: quella dedicata agli album di culto nazionali usciti negli anni ‘80 e ‘90. Solito formato, 50+50 dischi provenienti dai decenni suddetti. C’è davvero da riprendere in mano dischi leggendari che immaginavamo scomparsi e invece… Lettura consigliatissima!

La storia di copertina del giornale è invece dedicata a una figura che (in)seguivamo da anni, sperando di mettere appunto la sua faccia ossuta e irsuta in copertina. Così, quando abbiamo avuto la possibilità di intervistare il riservatissimo Thom Yorke, abbiamo colto al volo l’occasione. Come si dice in questi casi (e in questo caso è più vero che mai): un nome che non ha certo bisogno di molte presentazioni. Tra furti di hard disk ai danni dei Radiohead, colonne sonore, progetti solisti, fughe, rapporto difficile coi social media, silenzi e ritorni, finalmente Yorke torna con il suo nuovo sospirato e ispirato album. ANIMA, proprio così, tutto maiuscolo. Thom ha così raccontato al nostro Giorgio Valletta, nel corso di una lunga chiacchierata, genesi dell’opera e stato dell’arte sulla sua vita personale e della band, attivi ormai da oltre un quarto di secolo. 

Poi: una coppia di firme per una coppia di musicisti di origine americana; abbiamo messo in campo Mauro Fenoglio e Letizia Bognanni per un’intervista esclusiva a un paio di nomi che si sono uniti per realizzare un disco di inediti. Stiamo parlando, rispettivamente, degli immarcescibili Calexico di Joey Burns e John Convertino, che hanno fatto squadra con il songwriter Iron & Wine (all’anagrafe Sam Beam): assieme sono i recenti autori dell’ottimo album al titolo Years To Burn. In coda al servizio ne abbiamo approfittato per pubblicare un testo di una firma di culto del music writing mondiale, Amanda Petrusich: la giornalista americana ha scritto infatti le note interne per la recente ristampa di Our Endless Numbered Days (Sub Pop) di Iron & Wine: per noi tradotte su carta da Alessandro Besselva Averame.

Rimaniamo negli Stati Uniti per palare di un fenomeno che però nel frattempo è divenuto planetario: stiamo parlando della serie Stranger Things: prodotta da Netflix, nell’estate del 2019 giunge al terzo, attesissimo capitolo. Un team di firme coordinato dal “solito” Giona Nazzaro ha deciso di investigare cosa c’è dietro i ragazzini terribili della serie in questione: tra musica inquietante, ossessivi riferimenti agli anni ’80 (qualcuno ha detto Stephen King?) e un marketing della nostalgia che mai forse come in questo caso ha raggiunto tali livelli di diabolica perfezione. Incantando però tutto il mondo o quasi.

Le pagine di “Retropolis” sono dedicate a una band che ha fatto la storia del rock (e del pop e dell’elettronica) a cui solo pochi anni fa dedicammo una copertina: i New Order. L’occasione la fornisce l’uscita di un live inciso dalla band di Manchester qualche anno fa, ma solo ora disponibile. E quando si parla di Manchester qui a “Rumore” schieriamo quasi per contratto il nostro massimo esperto: Daniele Cianfriglia ha così fatto una lunga intervista con Gillian Gilbert, storica tastierista della band che una volta, in altra forma, si chiamava Joy Division.

Fra le interviste di approfondimento ci sono quelle al cantautore space folk Jeremy Tuplin. In Italia ci soffermiamo su nomi nuovi come quelli dei Trip Takers e dei Nadsat.  E poi: Eraldo Bernocchi, veterano dell’elettronica nazionale e non solo, ci racconta i dischi della sua vita. Senza dimenticare i “territori londinesi” di progetti come Wovoka Gentle, Cleo Sol, Basic Rhythm e Black Midi. Pubblichiamo poi un report live – firmato da Arturo Compagnoni, con i consueti magnifici scatti di Francesca Sara Cauli – dell’ultima edizione del festival ravennate Beaches Brew. Ricordiamo anche un paio di leggende del rock scomparse da poco come Roky Erickson e Dr. John. Nonché il povero Gianluca Galliani dei bolognesi Gaznevada, purtroppo scomparso un attimo prima di andare in tipografia.

Il disco del mese è quello della definitiva conferma del rapper (e molto altro…) statunitense Tyler, The Creator. Che fa il paio, in Italia, con il magico ritorno “meridionalista” dei Mai Mai Mai. Fra le recensioni spiccano quelle dei nuovi album di Bill Callahan, Slowthai, The Black Keys, Car Seat Headrest, Dargen D’Amico con Emiliano Pepe, Russian Circles, Mark Ronson, Andrew Bird, Madonna, Ross From Friends, Bassi Maestro, Titus Andronicus, Earth, Bruce Springsteen, Ty Segall, The Flaming Lips, Hofame, Ida Mae, DMA’s, Tiresia, Salem’s Bend, Lisa Hannigan; oltre alle ristampe di Bob Dylan, Depeche Mode, Prince, Jai Paul, Sonic Youth, Team Dresch, Art Ensemble Of Chicago e tantissimi altri.

“Rumore” 330-31, luglio-agosto 2019, è in edicola: al prezzo, inclusa la guida allegata, di 8,50 euro. Disponibile anche la versione app da scaricare. Buona lettura!

Edizione cartacea – Abbonati qui
Edizione digitale – Abbonati qui

SOMMARIO
RUBRICHE
L’EDITORIALE
NEWS
R.I.P.
FACCIAMO I CONTI
#OALD
BLOG’N’ROLL
MY TUNES
FUTURA

SERVIZI
DISCO DEL MESE
RECENSIONI
TREECOLORE
IN ITALIA
SINGOLARE
FLASHBACK
RETROPOLIS
CAMPIONI
RADICI
CHE FINE HAI FATTO?
IDENTITÀ DI GENERE

DAL VIVO
IN ARRIVO
VISIONI
LETTURE
FUMETTI
STORIE DI RUMORE
BANDA LARGA


  • 574
    Shares