kanye west taylor

Kanye West resta sempre Kanye West – anzi, è sempre più Kanye West, e l’ha dimostrato ieri sera agli MTV Video Music Awards, dove ha ricevuto il Michael Jackson Video Vanguard Award. Ma di questo non frega niente a nessuno, dato che ai VMA o ai Grammy o a qualsiasi cerimonia a premi non importa chi vince ma chi fa la performance più strana o la dice/la fa più grossa, come Yeezy ben sa. E ieri sera le occasioni da condivisione non sono mancate.

Innanzitutto, il premio gli è stato conferito da Taylor Swift, che Kanye stesso aveva interrotto durante un discorso di accettazione ormai sei anni fa. La Swift l’ha chiamato “amico”, e ha citato direttamente le parole di West risalenti al 2009: “Imma let you finish” (Ti lascerò finire), “but Kanye has had one of the greatest careers of all time” (Ma Kanye ha avuto una delle carriere migliori della storia).

Il discorso di Kanye è durato 13 minuti. Lo potete guardare integralmente qua sotto. Il rapper ha parlato di come rimpiange certi momenti in cui si è comportato male in passato, come l’incidente con la Swift, ma ha anche difeso il suo operato. Ha parlato di come quell’incidente abbia gettato un’ombra sulla sua carriera, e ha rivelato che quello che lo ha fatto salire sul palco nel 2009 per difendere Beyoncé era stato vedere Justin Timberlake “che piangeva” dopo aver perso il premio per l’Album dell’Anno ai Grammy.

Kanye ha inoltre dichiarato “Non capisco gli show a premi”, e si è poi lanciato in una generale accusa contro il sistema delle premiazioni-spettacolo. Sul finale, però, è arrivata la bomba: dopo aver dichiarato “Morirò per l’arte, per quello in cui credo” e “Non controlleremo i nostri figli con i marchi”, Kanye ha detto di aver deciso di candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti nel 2020. Il che potrebbe essere un problema per l’output artistico futuro di West, almeno a livello quantitativo. E se ce l’ha fatta Schwarzenegger, a diventare governatore, no? Trovate i video del tutto qua sotto.