• 1.2K
    Shares

(Credit: @roberthamwriter)

Ultimamente è difficile focalizzarsi sulla musica di Morrissey. L’ex Smiths ci prova in tutti i modi farci distogliere lo sguardo e l’orecchio dai suoi lavori; e ci riesce agilmente. Recentemente era tornato alla ribalta dopo aver cacciato una persona dal suo concerto o con delle discussioni botta e risposta tra lui e Billy Bragg. Fin lì non ci eravamo molto stupiti, perfino Nick Cave aveva anche provato a spiegarci come scindere la musica dalle opinioni di un artista che si ama.

Sta di fatto che Morrissey, che ha pubblicato il suo ultimo album di cover nel 2019, sta pensando a nuovi modi per incrementare i suoi introiti tramite il merchandise. L’ultima trovata, non proprio eccellente, è quella di vendere vinili autografati: passino i suoi dischi a 200 sterline – comunque cifra ragguardevole – ma la cosa veramente triste sono i vinili di altri storici artisti autografati ma dallo stesso Steven Patrick Morrissey, come Iggy Pop and The Stooges, David Bowie, Lou Reed, Patti Smith venduti a 300 sterline, quasi 350 euro al cambio attuale. Come noterete, vuole anche sottolineare l’amore per questi musicisti e cantanti, scrivendo anche “Love Iggy”, “Loves Patti”, “Love Lou” e “Loves David”.

Ma se evidentemente i vinili autografati da lui non bastano, ecco arrivare anche le t shirt anti-Guardian, popolare quotidiano inglese che al vecchio Moz pare non piacere, viste le posizioni politiche prese e opposte alle sue. Queste magliette le indossa sul palco – come accaduto in un recente concerto a Los Angelese – ma si possono anche acquistare al suo banchetto del merchandising, tra un vinile e l’altro a 200 o 300 sterline. Speriamo non prenda piede questa assurda idea commerciale.


  • 1.2K
    Shares