I New Order (cover story di settembre 2015) hanno annunciato sul loro sito ufficiale di aver raggiunto un “pieno e definitivo accordo con l’ex bassista Peter Hook”.

Le controversie riguardavano l’uso da parte di Hook del repertorio e dell’immagine di New Order e Joy Division nel merchandising e nella promozione degli show della sua nuova band e la somma di denaro che ricava dall’uso del nome New Order dagli ex colleghi dal 2011. I nomi dei Joy Division e dei New Order significano molto per i fan, e la band pensa che sia importante salvaguardarne l’eredità. Con questi nuovi accordi, Bernard, Stephen e Gillian possono continuare a fare quello che sanno fare meglio, fare musica e suonare dal vivo.

Nel 2011 era nata la nuova società che gestisce gli affari delle due band, da cui Peter Hook sostenne di essere stato estromesso, facendo per questo causa agli ex compagni nel 2015 e chiedendo che gli venissero corrisposti 2,3 milioni di sterline di royalties. Da parte loro Sumner, Morris e Gilber avevano contestato a Hook l’uso del nome di Joy Division e New Order con il suo gruppo Peter Hook and The Light.

I New Order saranno in Italia a dicembre alle OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino.