Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi
dall’11 al 17 aprile 2022

1. LA CHITARRA DI KURT COBAIN ALL’ASTA

Alcuni oggetti appartenuti a Kurt Cobain sono stati messi all’asta tramite Julien’s Auctions. Fra questi, la chitarra suonata nel video di Smells Like Teen Spirit e una Dodge Dart del 1965. La chitarra è una Fender Mustang del 1969 per mancini con finitura Competition Lake Placid Blue, ed è stimata fra i 600.000 e hli 800.000 dollari. “Sono mancino e non è molto facile trovare chitarre per mancini di alta qualità a prezzi ragionevoli”, diceva Cobain, “Ma tra tutte le chitarre del mondo, la Fender Mustang è la mia preferita. Ne ho avute solo due”.

2. I WU-TANG CLAN NELLA BIBLIOTECA DEL CONGRESSO

Ogni anno dal 2000, la Biblioteca del Congresso degli USA seleziona 25 brani “culturalmente, storicamente o esteticamente significativi” da archiviare nel suo Registro nazionale delle registrazioni. Quest’anno fra i selezionati, oltre a brani rock e pop come Bohemian Rhapsody dei Queen e Don’t Stop Believin’ dei Journey, ci sono due iconici album hip-hop: Enter the Wu-Tang (36 Chambers) del Wu-Tang Clan e The Low End Theory degli A Tribe Called Quest.

3. IL TATUAGGIO DI TRAVIS BARKER PER TAYLOR HAWKINS

Travis Barker ha condiviso una serie di foto scattate nello studio del tatuatore Mark Mahoney a Hollywood, dove ha aggiunto ai tanti un tatuaggio in onore di Taylor Hawkins. L’ultima immagine della gallery lo mostra proprio in compagnia del batterista dei Foo Fighters scomparso lo scorso 25 marzo.

4. LA CASA DI GEORGE HARRISON SU AIRBNB

Un fan dei Beatles, Ken Lambert, ha comprato la casa natale di George Harrison a Liverpool, per circa 170.000 sterline, e l’ha trasformata in Airbnb e “museo vivente”. “Non sono ricco, non è che vado in giro a comprare proprietà”, spiega Lambert, “Sono un fan dei Beatles, sì, ma in particolare sono un grande fan di George Harrison. Penso che fosse un peccato che la casa di George non fosse rilevante per milioni di fan dei Beatles, mentre fanno la fila per entrare nella casa di John Lennon. George è il mio Beatles preferito. Voglio rispettare la sua eredità”.

5. I GHOST E STAR WARS

Il leader dei Ghost Tobias Forge ha rivelato che i nuovi costumi indossati dai “Nameless Ghouls” sono ispirati a Star Wars. “Volevo una sorta di look militante”, ha detto “ma ogni volta che metti un’uniforme a delle persone finisci per avere una certa atmosfera militare. Ma volevo cambiare, da membri di un culto a qualcosa di più simile a un esercito. Quindi c’è un po’ di europeo anni ’30, e anche vecchi caschi da pilota. Come fan di Star Wars, mi sono sempre piaciuti i Tusken Raiders e il loro aspetto senza vita, quindi c’è anche questo”.

E se non vi bastano queste news in pillole, qua trovate quelle musicali e qua quelle scovate dalla rete.