• 125
    Shares

Uno degli ultimi brani di Anohni risale al 2019 con Jade Bell e J. Ralph, Karma. Ora è tornata “Ho guardato la convention repubblicana la settimana scorsa”, scrive Anohni nella nota che accompagna il nuovo singolo, intitolato proprio R.N.C. 2020: “Sta diventando sempre più difficile esprimere a parole la paura che tanti di noi provano. Cosa sta succedendo davvero? Livelli tossici di corruzione e collusione stanno divorando gli Stati Uniti”.

Continua l’artista:

Gli estremisti cristiani vogliono trasformare il paese in uno stato religioso uscito dritto da The Handmaid’s Tale. Dopo averci bombardato con campagne che ci spingevano a non indossare le mascherine a marzo e aprile, gli USA oggi hanno il 22% di tutti i morti di Covid. Io conosco personalmente tre newyorkesi che sono morti ad aprile a causa di queste indicazioni ufficiali. Trump ha alimentato la violenza razzista della polizia negli Stati Uniti fino alle vette più atroci. Spaventando gli elettori con racconti falsi di anarchia imminente e “ombre oscure”, Trump ha poi promesso che se rieletto schiaccerà i manifestanti di BLM e “ripristinerà legge e ordine”. Prende questa roba da Steve Bannon o dal Mein Kampf? Probabilmente entrambi. Trump sta presentando le esecuzioni federali nel conto alla rovescia verso le elezioni come un altro polo della sua piattaforma razzista di finto ‘law and order’


Anohni va avanti: “Lo scorso mercoledì, il governo ha sfidato la sovranità dei Navajo giustiziando Lezmond Mitchell, iniettandogli una grande quantità di Pentobarbitol in una camera della morte in Indiana. Dietro questa cortina di caos accuratamente orchestrato, la rete di lobbysti aziendali che forma il cuore del partito repubblicano saccheggia il tesoro degli Stati Uniti e smantella decine di normative sull’ambiente, spingendo il paese e il mondo ancora più disperatamente verso l’ebollizione globale e l’estinzione di massa. L’australiano Rupert Murdoch fa esplodere la sua oscena propaganda nelle case americane, ipnotizzando gli spettatori con bugie, rabbia e paura. Nel frattempo, la scorsa estate sono bruciate 40.000 miglia quadrate di landa selvaggia australiana, uccidendo oltre un miliardo di animali. Più della metà della Grande Barriera Corallina è crollata negli ultimi cinque anni a causa del rapido aumento delle temperature oceaniche. Gli stessi tipi di perdite orribili e permanenti stanno inghiottendo la natura in ogni continente. Per molte persone, la sofferenza economica incombe mentre Amazon, Facebook, Google, Tesla, Apple e altri espandono le loro impronte globali, risucchiando le economie locali. Alcuni CEO riversano la ricchezza del mondo in programmi di colonizzazione spaziale. Fantasticano di poter finalmente liberarsi della loro dipendenza dalla Madre Terra e diventare gli eroici Creatori e detentori del brevetto della vita su Marte. A differenza dei fratelli Koch, che hanno pagato per la diffusione malevola della negazione del cambiamento climatico, i miliardari tecnologici di oggi si profumano con un feromone di filantropia liberale mentre monetizzano lo smantellamento di controlli e contrappesi che un tempo ci proteggevano. Fanno incontri con Trump, gli forniscono le piattaforme virali di cui ha bisogno per mantenere la presidenza, si pubblicizzano come se avessero fatto il contrario e poi coprono le loro scommesse in privato. Enormi aree delle antiche foreste di sequoie della California continuano a bruciare lungo il perimetro della Silicon Valley. Gli attacchi incessanti e nichilisti alla verità, all’empatia e alla biosfera assicurano che la vita sulla terra diventerà molto, molto peggiore. Durante la campagna elettorale nel 2016, il team di Trump lo ha descritto come il primo candidato alla presidenza dai tempi di Harry Truman con ‘il coraggio’ di ‘sganciare la bomba’. Trump era lì, che sorrideva con orgoglio, e io ho sentito un’ondata di nausea. Ho avuto la stessa sensazione qualche mese fa, quando ho sentito Trump pronunciare le parole ‘virus cinese’. Quello che ci aspetta dall’altra parte è un mondo disfatto da un cataclisma senza fine e sofferente per una perdita insensata. Il suono di questo brano, R.N.C. 2020 è piuttosto difficile. Il loop è di un concerto che ho fatto in un club di New York quando avevo vent’anni. Quindi sono io che urlo in passato… Riesci a visualizzare un percorso diverso verso il futuro? Dobbiamo tutti concentrarci su questo ora, con tutto ciò che abbiamo”.


  • 125
    Shares