• 247
    Shares


William S. Burroughs e il culto del rock’n’roll, in libreria dal 13 luglio per Jimenez Edizioni con la traduzione di Alessandro Besselva Averame, è il libro di Casey Rae – direttore delle licenze musicali di SiriusXM e critico musicale per New York Times, Los Angeles Times, Washington Post e Billboard – che analizza il modo in cui una delle figure letterarie più controverse d’America ha alterato i destini di tanti grandi musicisti. Casey Rae sonda l’ascendente di Burroughs sui musicisti più audaci degli anni Sessanta, Settanta e Ottanta (e oltre), quando divenne una sorta di rito di iniziazione farsi ritrarre accanto all’autore o sperimentare le sue tecniche di cut-up per scrivere testi rivoluzionari.

Dall’esplorazione dell’occulto con David Bowie, alle crude raffigurazioni della vita di strada suggerite a Lou Reed o ai consigli dati a Patti Smith su come affrontare la celebrità, le storie raccontate da Casey Rae affrontano da un punto di vista diverso la rivoluzione culturale in America la musica che ha prodotto: dal rock al punk, dall’hip hop alla musica elettronica, dall’industrial all’heavy metal (la cui prima definizione si deve proprio a lui).


  • 247
    Shares