• 39
    Shares

Con un comunicato Tom Meighan, l’ex cantante dei Kasabian condannato per l’aggressione ai danni della ex fidanzata Vikki Ager – qui potete leggere un resoconto della vicenda, che ha portato Meighan anche all’uscita dalla band -, ha ammesso pubblicamente le sue responsabilità: “Vorrei fare una dichiarazione sugli eventi recenti e scusarmi pubblicamente con la mia compagna Vikki, i miei compagni di band, i miei amici, familiari e e fan”, scrive il cantante, che continua: “Mi dispiace molto e sono profondamente pentito del mio recente comportamento. Non cercherò in nessun modo di minimizzare le mie azioni o cercare scuse. Sono completamente colpevole e mi prendo ogni responsabilità. Ho combattuto per anni con l’alcolismo. L’incidente di aprile è stato un campanello d’allarme per me, per quello che ero e quello che stavo diventando. Stavo perdendo il controllo. Il mio stato mentale diventava sempre più instabile ed ero a un punto di rottura. Sono entrato in un programma di riabilitazione. è noto che ero già stato in disintossicazione, ma ad essere sincero non sono mai stato davvero sobrio. Stavolta è stato diverso. Ho lasciato il programma 3 settimane fa e con il supporto della mia famiglia e dei miei amici sono andato avanti giorno dopo giorno, sono arrivato alla fine di ogni giornata completamente pulito e sobrio. Questa volta voglio farcela davvero, non solo per le persone che amo ma anche per me stesso. Inoltre di recente mi è stato diagnosticato l’ADHD, e anche se questo non scusa in alcun modo le mie azioni, mi ha aiutato a capire meglio i miei problemi di comportamento. Io e Vikki siamo ancora molto innamorati e vogliamo ricostruire la nostra vita insieme con l’appoggio di coloro che ci sono vicino. Voglio assicurare a tutti che l’incidente in questione è stato un caso isolato, e chiunque mi conosca sa che non è da me. Per quanto riguarda la mia dichiarazione di lunedì, volevo solo assicurare a tutti di essere in un buono stato mentale, rispetto a prima. A quel punto, non ero in grado di riconoscere il caso in sospeso. Non avrei mai ingannato consapevolmente i miei fan e li apprezzo moltissimo. Io e Vikki speriamo di superare tutto questo e uscirne più forti come coppia. Spero che col tempo possiate perdonarmi.

**** Se anche tu o una persona che conosci è vittima di violenza o stalking, chiama il 1522 per farti aiutare o chiedere consiglio. Il numero gratuito è attivo 24 h su 24 (anche da cellulari) e accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto oppure potete chattare con una operatrice direttamente da  Trovi tutte le informazioni qui. ****


  • 39
    Shares