•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“A causa della mancata installazione di un palco per questioni di sicurezza”, si legge sulla pagina ufficiale di Home Venice Festival, in programma dal 12 al 14 luglio al Parco San Giuliano di Mestre.

“Dopo un’attenta riflessione con i management delle band e dopo vari tavoli tecnici, l’organizzazione comunica che, tra gli oltre 100 artisti previsti, alcuni non potranno esibirsi. Eccoli: Aphex Twin, Jon Hopkins, Pusha-T, Modeselector, Moodymann, Adam Beyer, Mura Masa, The Vaccines“. Come prevedibile non mancano i commenti di protesta, visto che gli artisti cancellati erano in buona parte headliner fra i più attesi. “Ci dispiace per il disagio”, continua il post,

“Il parco è stato interessato da grandi lavori di sistemazione per preparare l’evento, alcuni appena terminati. Per questo motivo abbiamo dovuto rimodulare l’area cancellando un palco. Da sempre la sicurezza è stata e rimarrà la nostra priorità. Ci scusiamo con i fan degli artisti e con gli artisti stessi, che ringraziamo per la comprensione e la grande collaborazione dimostrata”.

Nella line up restano confermati: Editors, Paul Kalkbrenner, LP, Bloc Party, Rival Sons, Gazzelle, Alborosie, Guè Pequeno, Brina Knaus, Tedua
Franco 126, Noyz Narcos, Mellow Mood, Elettra Lamborghini, Massimo Pericolo, Ensi, Speranza e altri ancora.

Qua sotto, invece, potete vedere un post Instagram di Pusha T il 31 maggio dove tra le date del suo tour, annunciava che il 13 luglio avrebbe suonato a New York, data che però era già fissata all’Home Festival.

Visualizza questo post su Instagram

From Barcelona to Moscow and anywhere in between, meet me…

Un post condiviso da Pusha T (@kingpush) in data:


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •