• 19
    Shares

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi
dal 13 al 19 maggio 2019

1. IL BALLO DI MICK JAGGER

I Rolling Stones ci seppelliranno tutti. A giudicare dal video postato su twitter da Mick Jagger, in cui balla elastico ed energico come un ventenne (a poche settimane da un’operazione al cuore) non sembra solo un modo di dire. Complimenti a Mick, e dance like Jagger (se vi regge il nervo sciatico).

2. ROGER DALTREY ANTINARCOTICI

Gli Who non sono esattamente noti come un gruppo di straight edge, ma abbiamo scoperto che nonostante la gioventù negli anni del sesso droga e rock’n’roll, Roger Daltrey non tollera la marijuana. Letteralmente: durante un concerto al Madison Square Garden infatti ha costretto alcuni spettatori a spegnere quello che stavano fumando: “A tutti quelli che stanno fumando erba qui davanti”, ha detto dal palco, “sono allergico. Non sto scherzando, chiunque sia là sotto, hai mandato a puttane la mia serata e mi hai fatto davvero… sono allergico a quella merda e la mia voce è andata, perciò vaffanculo”.

3. THREATIN VS THREATIN

Lo scorso anno aveva fatto parlare di sé tale Jered Eames, metallaro californiano che si era inventato una band, i Threatin, un’etichetta e una fanbase inesistenti per andare in tour in Europa. La truffa era stata smascherata presto ma ai musicisti che l’intraprendente aspirante frontman aveva assunto per il fallimentare tour non è andata giù, e gli hanno fatto causa, vincendo. Jered e la moglie Kelsey dovranno risarcire il chitarrista Joe Prunera e il batterista Dane Davis per circa 10000 dollari.

4. L’ERBA DI JENNY

Si chiama The Rabbit Hole ed è ispirato al suo album On The Line il brand di cannabis lanciato da Jenny Lewis, “una sour diesel sativa leggera con il 16,3% di THC”, spiega l’artista, “i cui semi sono stati distribuiti per la prima volta a un concerto dei Grateful Dead nel 1991”. Per ora, se volete provarla, dovrete andare nei negozi californiani che la venderanno in confezioni da 5 sigarette.

5. TRE ARRESTI PER IL FURTO DELLE CHITARRE DEI LAMB OF GOD

All’inizio del mese, i Lamb Of God erano stati vittime del furto di tre chitarre mentre si trovavano a Phoenix per un concerto. Ora la polizia ha arrestato i tre presunti ladri, e il commento del frontman della band Randy Blythe alla vista dei sospetti è stato piuttosto singolare: “Beh, devo dire che la loro, ehm, “estetica” non mi sorprende davvero – mi rende solo piuttosto triste”, ha scritto in un commento al post su instagram di Jamey Jasta degli Hatebreed, “Ma seriamente – questi uomini sono innocenti fino a prova contraria, e spero che abbiano un giusto processo e una sentenza equa. Poi qualunque cosa accada, spero che vengano aiutati. Quel tizio dall’aspetto Alfalfa ha bisogno di un panino, una dormita di una settimana e un multivitaminico. Gesù. #drugskill #dontdodrugskids

E se non vi bastano queste news in pillole, qua trovate quelle musicali e qua quelle scovate dalla rete.


  • 19
    Shares