Rumore Week: che cosa ̬ successo questa setimana (13/5 Р19/5)

Date:

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi
dal 13 al 19 maggio 2019

IL BALLO DI MICK JAGGER

I Rolling Stones ci seppelliranno tutti. A giudicare dal video postato su twitter da Mick Jagger, in cui balla elastico ed energico come un ventenne (a poche settimane da un’operazione al cuore) non sembra solo un modo di dire. Complimenti a Mick, e dance like Jagger (se vi regge il nervo sciatico).

ROGER DALTREY ANTINARCOTICI

Gli Who non sono esattamente noti come un gruppo di straight edge, ma abbiamo scoperto che nonostante la gioventù negli anni del sesso droga e rock’n’roll, Roger Daltrey non tollera la marijuana. Letteralmente: durante un concerto al Madison Square Garden infatti ha costretto alcuni spettatori a spegnere quello che stavano fumando: “A tutti quelli che stanno fumando erba qui davanti”, ha detto dal palco, “sono allergico. Non sto scherzando, chiunque sia là sotto, hai mandato a puttane la mia serata e mi hai fatto davvero… sono allergico a quella merda e la mia voce è andata, perciò vaffanculo”.

THREATIN VS THREATIN

Lo scorso anno aveva fatto parlare di sé tale Jered Eames, metallaro californiano che si era inventato una band, i Threatin, un’etichetta e una fanbase inesistenti per andare in tour in Europa. La truffa era stata smascherata presto ma ai musicisti che l’intraprendente aspirante frontman aveva assunto per il fallimentare tour non è andata giù, e gli hanno fatto causa, vincendo. Jered e la moglie Kelsey dovranno risarcire il chitarrista Joe Prunera e il batterista Dane Davis per circa 10000 dollari.

L’ERBA DI JENNY

Si chiama The Rabbit Hole ed è ispirato al suo album On The Line il brand di cannabis lanciato da Jenny Lewis, “una sour diesel sativa leggera con il 16,3% di THC”, spiega l’artista, “i cui semi sono stati distribuiti per la prima volta a un concerto dei Grateful Dead nel 1991”. Per ora, se volete provarla, dovrete andare nei negozi californiani che la venderanno in confezioni da 5 sigarette.

TRE ARRESTI PER IL FURTO DELLE CHITARRE DEI LAMB OF GOD

All’inizio del mese, i Lamb Of God erano stati vittime del furto di tre chitarre mentre si trovavano a Phoenix per un concerto. Ora la polizia ha arrestato i tre presunti ladri, e il commento del frontman della band Randy Blythe alla vista dei sospetti è stato piuttosto singolare: “Beh, devo dire che la loro, ehm, “estetica” non mi sorprende davvero – mi rende solo piuttosto triste”, ha scritto in un commento al post su instagram di Jamey Jasta degli Hatebreed, “Ma seriamente – questi uomini sono innocenti fino a prova contraria, e spero che abbiano un giusto processo e una sentenza equa. Poi qualunque cosa accada, spero che vengano aiutati. Quel tizio dall’aspetto Alfalfa ha bisogno di un panino, una dormita di una settimana e un multivitaminico. Gesù. #drugskill #dontdodrugskids

[td_smart_list_end]

E se non vi bastano queste news in pillole, qua trovate quelle musicali e qua quelle scovate dalla rete.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Piu' letti

More like this
Related

RUMORE 100: i 100 dischi essenziali dei cantautori italiani

Rumore 100 è il nuovo progetto editoriale di Rumore e il secondo numero in edicola è dedicato ai 100 dischi essenziali del cantautorato italiano. Al suo interno 200 schede, 100 canzoni e altri 100 titoli indimenticabili

Brian Eno, il nuovo album. Ascolta e guarda il video del singolo There Were Bells

There Were Bells è il primo singolo estratto dal nuovo album di Brian Eno, Foreverandevernomore, in uscita a ottobre

Rumore Week: dal ritiro delle accuse contro Bob Dylan fino all’addetto alla sicurezza al concerto di Kendrick Lamar

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi. Dal 25 al 31 luglio 2022

Guarda il nuovo trailer del film su David Bowie Moonage Daydream

Moonage Daydream, il nuovo documentario su David Bowie diretto...

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

 

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti.

Con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare dati precisi di geolocalizzazione e identificazione tramite la scansione del dispositivo. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori il trattamento per le finalità sopra descritte. In alternativa puoi accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire o di negare il consenso. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi