•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Forse è davvero la volta buona: Daisy, quarto album della band emo/alt rock Brand New, uscito nel 2009, non sarà l’ultimo tassello degli LP della discografia del gruppo newyorkese che aveva annunciato di sciogliersi nel 2018. Solitamente una news sensata e il più lontana possibile dal clickbait dovrebbe riportare una data, un titolo, una tracklist e una copertina. Sfortunatamente non è questo il caso. Il disco – già sold out – era disponibile in pre order sul sito. Qualcuno, tra i commenti sul profilo Facebook della band, ha anche aizzato la polemica sui circa 45 dollari per questa edizione super limitata di cui non si sa nulla. Anche noi avremmo voluto sapere di più dal sito dell’etichetta fondata dalla band, la Procrastinate! Music Traitors, ma pare irraggiungibile. Si presuppone, leggendo il post, che le spedizioni del disco avverranno a ottobre, quindi l’uscita non dovrebbe distanziarsi tanto da quel periodo. Per la copertina, possiamo azzardare che il poster delle date del tour americano e inglese che vedete qua sotto, alla vostra destra, sia un buon indizio.

Con i Brand New è giusto partire da un presupposto: sono sicuramente una delle band più incostanti e lunatiche, perché già lo stesso Daisy arrivò quasi a sorpresa due anni dopo la pubblicazione del capolavoro The Devil and God Are Raging Inside Me (2006). Poi solo la pubblicazione dell’ormai noto Leaked Demos del 1996 su cassetta nel 2015 e qualche sporadico singolo.

Ma non finisce qui, due anni fa, durante un concerto a Nashville, Jesse Lacey aveva annunciato che lo scioglimento della band era imminente. Circa un anno fa ha fatto lo stesso, durante la prima data del loro tour assieme ai Modest Mouse. Inoltre il gruppo ha stampato una maglietta con scritto “Brand New, 2000 – 2018”. Quindi, tirando le somme, questo LP5 dovrebbe essere l’ultimo prima dello scioglimento. Ma non fidatevi di loro, vi faranno sempre un po’ soffrire.

Qua sotto, trovate uno dei loro ultimi singoli: I Am a Nightmare.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •