• 21
    Shares

fatso jetson hifiklub

di Stefano Fanti

Partire da Quartet vs Quartet di Ornette Coleman, dal suo prendere il jazz emanipolarlo in modo del tutto personale, per arrivare a una visione mutaforma della psichedelia, capace di inglobare numerose influenze e percorsi artistici, il tutto nel pieno spirito della collaborazione libera: nasce così Fatso Jetson vs Hifiklub – Double Quartet Serie Vol. 1, un esperimento targato Subsound (etichetta romana sempre più attiva in ambito internazionale) che unisce due anime estremamente diverse ma perfettamente coerenti. Abbiamo parlato di questa collaborazione con il leader dei californiani, Mario Lalli, e con Régis Laugier del gruppo francese.

Ma facciamo un passo indietro: se dici Fatso Jetson pensi desert rock, California, Yawning Man e soprattutto Mario Lalli, che dal 1994 porta avanti la bandiera dello stoner puro come una missione – nonostante qualche pausa qua e là – dagli esordi su SST fino al recente Idle Hands del 2016, uscito su Heavy Psych Sounds. Chi sono invece gli Hifiklub? Nato a Toulon nel 2006, il gruppo (aperto a numerosi membri passati e presenti) è l’esempio perfetto di free rock: sperimentazione e libertà compositiva sono le guide del collettivo, che negli anni ha collaborato con nomi di grosso calibro come Christian Fennesz, Andrew W.K., Lee Ranaldo e Mike Watt in progetti di varia natura, dai live alle installazioni artistiche. Un incrocio quindi particolarmente interessante che ha prodotto un disco viscerale e profondo, mai banale e dai possibili infiniti sviluppi. Lasciamo la parola ai protagonisti.

Come nasce questa collaborazione?
ML: Siamo stati gentilmente invitati da Regis e dai ragazzi a far parte di questa serie di registrazioni, Regis è molto attivo nel curare collaborazioni e concerti con musicisti unici da tutto il mondo come Mike Watt, Lee Renaldo, Alain Johanness… così siamo stati onorati di esserci anche noi. Eravamo in tour in Europa con Yawning Man, così alla fine del tour siamo volati in Francia dove Regis ha organizzato uno studio letteralmente sulla spiaggia di Fréjus, una straordinaria posizione che si aggiunge a un’esperienza unica.
RL: Un paio di anni fa abbiamo lavorato con l’artista Arnaud Maguet su un film sulla vita e la musica di Alain Johannes. Lo abbiamo fatto nel deserto del Mojave, con Alain come unico personaggio. Come abbiamo fatto con quasi tutti i nostri progetti visivi, abbiamo registrato la colonna sonora in loco e abbiamo chiesto ai musicisti di Alain di partecipare. Abbiamo incontrato per la prima volta Mario Lalli al Los Feliz Festival di Los Angeles durante il nostro soggiorno e abbiamo avuto un grande feeling immediato con lui. Alcuni giorni dopo, Mario ha aggiunto alcune chitarre su alcune delle nostre composizioni per il film e ha anche fatto un’improvvisazione personale come traccia extra. La nostra collaborazione con Mario è stata una delle tracce della colonna sonora e ho voluto trovare un nuovo progetto che potesse includere lui e la sua grande band. Questo disco , che abbiamo registrato dal vivo nel sud della Francia alla fine del tour europeo dei Fatso Jetson nel 2014, è quel progetto.

La registrazione è avvenuta seguendo l’esempio di Ornette Coleman e del suo doppio quartetto, potete raccontarci come è stato lavorare in questo modo inusuale? Immagino siate tutti suoi fan.
ML:
Sì, assolutamente! Ho scoperto la musica di Ornette facendo ricerca sulle radici del lato sperimentale della scena jazz degli anni ’60. Gary Arce e io abbiamo iniziato a raccogliere le registrazioni di alcuni di I protagonisti del post-bop come Monk, Coleman, Eric Dolphy, Cecil Taylor, Sun Ra…
RL: La registrazione di lunghe tracce, faccia a faccia, con 8 musicisti nella stessa stanza è stata un’esperienza incredibile per noi e, devo confessare, una sorta di tour de force. Ho avuto Free Jazz di Ornette Coleman nella mia collezione per molti anni prima di iniziare il nostro progetto. Per qualche motivo, che non sarei in grado di spiegare, questo album molto particolare mi è apparso come la “scusa” migliore (detto nel migliore dei modi possibili), per invitare un altro quartetto a sperimentare con noi. Per quanto mi ricordo, credo di averlo ascoltato di ritorno dalla California quando abbiamo terminato il nostro film con Alain Johannes.

La psichedelia e il free jazz sono i riferimenti di questo esperimento. Quali ispirazioni vi hanno guidato nell’improvvisazione che caratterizza l’album?
ML:
Penso che non sia tanto un genere che ha ispirato la musica, ma i ritmi ei riff, il movimento nelle composizioni… c’era una semplicità alla creazione del groove che ha spinto e motivato le idee, sia per chitarre che per il resto. Mi vengono nuove idee ogni volta riascolto il disco.
RL: L’album non è completamente improvvisato. Noi Hifiklub abbiamo composto, prima della sessione, le melodie delle 4 lunghe tracce. Durante il soggiorno dei Fatso Jetson e Gary Arce, abbiamo suonato le idee base per i nostri ospiti, lasciandole alla loro reazione, in modo che aggiungessero ciò che volevano. Le loro azioni e le loro creazioni d’istinto insieme alle disposizioni e agli intenti originali hanno guidato queste vibrazioni soniche.  Le loro parti spontanee hanno cambiato molte cose, incluse le strutture. Abbiamo anche lavorato e tagliato altri quattro brani più brevi completamente improvvisati che sono diventati i collegamenti tra le quattro tracce «più grandi».

Arrivate da due mondi diversi che però hanno in comune la natura psichedelica della musica. Come avete coniugato questo approccio differente alla stessa materia?
ML:
Una cosa che ho imparato in questa esperienza di condivisione e collaborazione con persone provenienti da tutto il mondo è che la musica è una tale connessione intima: abbiamo condiviso le stesse ispirazioni e le stesse influenze che sono entrate poi nel nostro sound, parliamo lo stesso linguaggio musicale.
RL: Personalmente non mi sento particolarmente influenzato dalla musica psichedelica, ma, ascoltando il nostro album, capisco bene cosa intendi e hai ragione. Per quanto ricordi, non abbiamo avuto alcuna musica particolare o discussione filosofica prima della sessione, non abbiamo avuto il tempo di farlo, l’unico punto chiave era la libertà, la libertà dei FJ e di Gary di sviluppare le nostre idee originali, di cambiare tutto se necessario, di andare contro le nostre melodie per il bene della canzone,e farlo molto velocemente, in soli 3 giorni.

Ipotizzando un altro esperimento simile, con chi vi piacerebbe registrare?
ML:
Mi piacerebbe registrare con PJ Harvey, Alain Johannes, Nels Cline e David Hidalgo.
RL: Mi piacerebbe molto lavorare su altri volumi di questo progetto, musicisti come Nels Cline, Barre Phillips, Alain Johannes, Mike Watt, Jack Irons, Dave Catching, Joey Castillo sarebbero fantastici ospiti. Abbiamo già suonato individualmente con loro e sono tutti musicisti incredibili.


  • 21
    Shares