giant sand

Dopo 30 anni passati a fare desert rock con i suoi Giant Sand, il buon Howe Gelb ha deciso di mettere fine alla band. “30 anni sembrano un numero adeguato per dire all’improvviso ‘Me ne vado, più o meno'”, ha scritto in un comunicato stampa che vi abbiamo tradotto qua sotto. Prima dello scioglimento, però, la band partirà per un tour europeo e pubblicherà un box set da 3LP intitolato The Sun Set, contenente il materiale registrato dalla band in ordine alfabetico.

30 anni di giant sand

un sacco di tempo fa, quando sembrava un lungo periodo di tempo. ma no. solo un battito di ciglia.

sembra che la palpebra batta in slow motion per farci aprire le bocche, sorpresi, ma qualsiasi movimento è velocizzato rispetto a una natura morta.

gli album vivono su uno scaffale, come una collezione di nature morte che raccoglie decenni e polvere.
che cosa abbiamo qua, parlando collettivamente? riflessioni messe in moto. qua riavvolte, e altre velocizzate.

sappiamo che non esiste una categoria confortevole in cui mettere tutto questo. forse perché non esiste un conforto categorico.

i progenitori di questa produzione sono stati scolpiti nella roccia: david bowie, john lennon, jimi hendrix, bob dylan e neil young.

i progenitori, immobili nell’avorio, sono probabilmente i responsabili di quello che succederà ora.
ma per quanto concerne l’erosione della roccia, questa collezione di mega-polvere, questa sabbia gigante – è arrivato il momento di farla finita.

30 anni sembrano un numero adeguato per dire all’improvviso ‘Me ne vado, più o meno’. ne abbiamo abbastanza. più di quanta ne possiamo immaginare.

sono molto curioso di vedere che cosa il prossimo battito porterà. un pianoforte, per ora. canzoni, per sempre.
un brindisi ai prossimi 30 anni di plunk rock [“plunk” significa “pizzicato”, ma è anche qua un gioco di parole con “punk” nda]. un circolo delle quinte in un bianco e nero sbavato. salire su un aereo senza una sacca con dentro una chitarra sulle spalle. forse un cappello. … e anche una cravatta di cuoio.

grazie infinite per la vostra partecipazione a tutto questo. non vi ringrazierò mai abbastanza perché non posso farlo.

siamo un tessuto. un punto [di sartoria, nda] nel tempo. fili sonori tesi dalle nostre muse dell’era spaziale.

Il tour d’addio dei Giant Sand non passerà dall’Italia, sfortunatamente. Per vedere Gelb e compagni dovrete andare in Slovenia, Austria, Germania, Belgio, Olanda, Regno Unito o Francia. Trovate qua sotto un’anteprima da The Sun Sets, mentre qua trovate la nostra recente intervista ad Howe Gelb.