Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi
dal 12 al 18 ottobre 2020

1. JOHN LENNON SU TIK TOK

Non John Lennon ovviamente ma la sua musica, arriva su Tik Tok: 11 brani, fra cui Imagine, Happy Xmas (War Is Over), Give Peace a Chance, sono stati messi a disposizione dei creator in occasione di quello che sarebbe stato il suo ottantesimo compleanno. “Siamo super entusiasti di lanciare l’account TikTok ufficiale di mio padre”, ha detto poi Sean Ono Lennon lanciando questa seconda iniziativa, “Non vediamo l’ora di vedere cosa creano i suoi fan in tutto il mondo usando la sua musica e il suo messaggio di pace e amore”.

@johnlennon

##Lennon80 ##GIMMESOMETRUTH ##JohnLennon

♬ Imagine – Ultimate Mix – John Lennon

2. LA ACTION FIGURE DI LEMMY

Ancora celebrazioni per i 40 anni di Ace Of Spades dei Motörhead: è la volta di una nuova action figure di Lemmy, “l’uomo, il mito, la leggenda: la ReAction Figure arriva direttamente dal 1980, armato del suo fragoroso basso per rovinarvi l’udito”.

3. IAN BROWN HA CANCELLATO I TWEET NEGAZIONISTI

“TUTTE le tirannie governano con la frode e la forza, ma una volta che la FRODE viene smascherata devono fare affidamento esclusivamente sulla FORZA. George Orwell”, e “IL GRANDE RESET la pandemia progettata ed eseguita per renderci schiavi digitali”, sono due fra i tweet pubblicati nelle scorse settimane da Ian Brown, oltre a un brano negazionista. Ora il leader degli Stone Roses ha cancellato tutti i tweet. A notarlo anche Dave Haslam, che ha scritto: “TUTTI i tweet sul covid di Ian Brown sono stati cancellati. TUTTI. Gli auguro ogni bene, è stato fantastico esserci per vedere l’ascesa degli Stone Roses. Spero che stia bene”.

4. IL PARTITO DI DIDDY

Mentre le elezioni negli USA si avvicinano, sempre più artisti prendono posizione. Diddy fa ancora di più: il rapper ha fondato un partito, chiamato Our Black Party: “L’obiettivo numero uno”, dice, “è quello di unirsi sotto un’agenda nera. Se Trump verrà rieletto, credo davvero nel mio cuore che ci sarà una guerra razziale. Ecco perché questo messaggio non è solo per i neri. Questo messaggio è per tutti. Quest’uomo sta davvero cercando di metterci l’uno contro l’altro e metterci in questa situazione”.

Visualizza questo post su Instagram

The world is watching… @ourblackparty

Un post condiviso da Diddy (@diddy) in data:

5. PHIL COLLINS VS TRUMP

Riuscirà prima o poi Trump a usare una canzone durante un comizio senza che gli venga fatta causa dall’autore? Probabilmente no. Dopo i Rolling Stones, Neil Young e molti altri, a diffidare il presidente dall’uso di un suo brano è arrivato anche Phil Collins, che tramite i suoi avvocati ha vietato a Trump di usare ancora la sua In The Air Tonight, diffusa durante un evento in Iowa.

E se non vi bastano queste news in pillole, qua trovate quelle musicali e qua quelle scovate dalla rete.