• 11
    Shares

I due memoir pubblicati dalla chitarrista delle Slits, Viv Albertine, Clothes, Clothes, Clothes. Music, Music, Music. Boys, Boys, Boys del 2014 e To Throw Away Unopened del 2018, diventeranno una serie TV, prodotta dalla Number 9 di Elizabeth Karlsen, Stephen Woolley e Rachael Horovitz – la stessa casa di produzione dietro film come Carol e Collette.

“Fin dall’inizio”, racconta la musicista, “sono stati sensibili alla natura estremamente personale del lavoro e sapevo che i libri erano nelle mani di produttori con un’integrità. La loro visione è perfettamente intonata al lavoro, capiscono il soggetto e l’epoca, non vedo l’ora che si cominci e di vedere i personaggi della mia storia prendere vita!”

I produttori aggiungono: “Niente di ciò che è successo prima o dopo può eguagliare l’esplosione che è stato Punk di Londra negli anni 70, e Viv Albertine ha aiutato a preparare la dinamite, posizionare il detonatore e accendere la miccia. Le Slits hanno forgiato la colonna sonora di un’iconica rivoluzione culturale gender-bending, e la chitarrista Viv Albertine era proprio nel bel mezzo. Ha contribuito a creare un nuovo atteggiamento disinibito, un linguaggio musicale unico e un’estetica fai-da-te che ha invaso e si è radicata nel mainstream”.


  • 11
    Shares