• 74
    Shares

(Credit: Nick Kent)

In un lungo post su Facebook, lo scrittore, giornalisti e musicista Nick Kent ha ricordato il produttore e promoter francese Marc Zermati, scomparso lo scorso 13 giugno. Con la Skydog Records, di cui era stato cofondatore, Zermati aveva pubblicato dischi di DamnedMotörheadMC5Iggy and the Stooges e molti altri. Nel 1976 aveva fondato a Londra la casa di distribuzione indipendente Bizarre Distribution.

“Sono passate cinque ore da quando ho avuto la notizia che Marc Zermati è morto nel sonno e – come con tutte le morti di persone che ti sono state vicino durante la vita – è stata dura per me elaborarlo. Da quando è venuta fuori l’informazione”, continua il giornalista inglese, “sono stato travolto dai ricordi dell’uomo. C’è il giovane Marc, profeta del punk e leader della sua gang di reprobi controculturali, un uomo con una resistenza apparentemente illimitata impegnato in una sacra ricerca per ricostruire il rock’n’roll per i ’70. C’è il Marc di mezza età ancora in gioco negli anni 80, manager dei Dogs e anche capace di alienarsi l’industria globale con le sue maniere abrasive. E c’è il vecchio Marc che poteva essere molto gentile e molto stizzoso quasi nello stesso momento. In sintesi, era un uomo complicato. Ma era anche un uomo profondamente amabile. In retrospettiva, Marc è stato molto di più dei suoi traguardi. Chiunque lo conoscesse davvero lo amava, anche quando non gli piaceva. Conosceva un sacco di persone e univa tante menti creative incitando una vera rivoluzione culturale. Nel 1972, quando l’ho incontrato per la prima volta, era l’uomo più alla moda di Parigi. Entrò nel ristorante dove i New York Dolls erano ospiti a un party prima del concerto, persino i Dolls, normalmente blasé, vennero visibilmente colti di sorpresa dal suo ingresso, affiancato dall’inevitabile gruppo privato di prostitute malandate. A proposito, quella sera ci fu il primo incontro di sempre tra Marc e la sua futura nemesi, Malcolm McLaren. Un po’ di storia per voi. […] Aveva aperto un negozio, l’Open Market, un punto vendita ‘specializzato’. In effetti, il negozio era così specializzato da tenere solo i dischi approvati da Marc, che ammontavano a meno di dieci album. The Stooges, Flamin ‘Groovies e Kim Fowley erano tutti ben rappresentati negli scaffali, ma altri artisti furono completamente evitati e quegli sfortunati individui che entravano in cerca, diciamo, dell’ultimo album di Crosby, Stills & Nash venivano messi alla gogna da Zermati per i loro gusti, prima di essere cacciati. La leggenda narra che abbia risposto a un povero giovane entrato a comprare un album degli Yes brandendo un’ascia. […] Chiamata Skydog in onore del chitarrista degli Allman Bros Duane “Skydog” Allman, la sua etichetta aveva un roster che era lo stesso del suo negozio, la stessa manciata di gruppi, con i Flamin’ Groovies di Flamin e Kim Fowley che furono i primi nomi dell’etichetta. All’inizio del 1975 stavo a Los Angeles e trascorrevo molto tempo con gli Stooges, la maggior parte dei quali viveva in povertà. Ho detto loro dell’etichetta di Marc e di come avrebbe pubblicato volentieri qualsiasi loro cosa (a quel tempo, nessuna etichetta discografica in America avrebbe toccato gli Stooges con un remo). Sono stati piuttosto entusiasti quando ho aggiunto che probabilmente ne avrebbero visto dei soldi. Iggy ricordava una cassetta che un amico di Ron Asheton aveva fatto di un traumatico concerto degli Stooges con una banda di motociclisti nel pubblico che fischiava e tirava bottiglie al gruppo. James Williamson portò quindi il nastro in un vero studio di registrazione e provò a rendere il suono meno fangoso e lo-fi. (È stato anche individuato un ulteriore nastro live dello stesso periodo). Ho preso il master che Williamson aveva realizzato e sono tornato in Europa per consegnarlo a Marc. È così che è nato Metallic K.O., la registrazione più riuscita e significativa della Skydog. […] Finalmente, la visione punk di Marc iniziava a raggiungere le masse. C’era solo un problema. Malcolm McLaren si prendeva tutti i meriti. Era comprensibile, davvero. McLaren aveva i Sex Pistols e loro erano di gran lunga il gioiello più luminoso della corona. I media mondiali potrebbero essere perdonati per aver concluso che il manager dei Pistols fosse l’unico agitatore del movimento. In verità, il punk aveva molte ostetriche. […] Sebbene per la maggior parte degli anni 80 i nostri percorsi non si siano mai incrociati, alla fine degli anni 80 ci siamo ritrovati a un festival cinematografico in Val d’Isère. Non era davvero cambiato ora che era pulito dall’eroina. Mi disse che avrei dovuto conoscere una ragazza di nome Laurence Romance, che ci saremmo piaciuti. Lui aveva ragione. In effetti, nella nostra fase iniziale di corteggiamento, io e mia moglie abbiamo alloggiato nell’appartamento di Marc. Erano tempi felici. Gli anni 90 sono scivolati nel 21° secolo e Marc è rimasto Marc. Ma stava anche diventando più arrabbiato e si lamentava sempre di più della sua cattiva salute. Ora ricordo che Marc non è mai stato il più robusto e in salute degli uomini. Si era sempre lamentato dello stato del suo stomaco. Era un po’ un Kurt Cobain in questo senso. Ma con l’avvento del 2000 aveva grandi problemi da affrontare, in particolare un cuore debole. Dieci anni dopo, gli sarebbe stato diagnosticato un cancro. A quanto pare Marc inizialmente aveva rinviato un’operazione per rimuovere le cellule maligne nel suo corpo per conferire invece con Wilko Johnson, un recente sopravvissuto al cancro. Era proprio da Marc. Alla fine, l’unico medico che aveva mai davvero ascoltato era il Dr Feelgood”.


  • 74
    Shares