No menu items!

Nello spazio con Novamerica: guarda in anteprima il video di Jurij Gagarin

Date:

Nel 1961 Jurij Gagarin è il primo uomo nello spazio, e Novamerica lo riporta su con questo brano, la storia di un ragazzo che sogna, che vuole vivere per aria, ma che deve rendere conto alla vita quotidiana. “Stavo facendo una camminata in montagna con un mio amico”, racconta il cantautore, al secolo Carlo Cerclin Re, “il quale mi racconta di un suo sogno ricorrente: scopre di poter volare semplicemente alzando un po’ il piede. Un gesto semplicissimo che tutti possono fare, ma nessuno lo sa. Forse il senso è che tutti, con un piccolo gesto, possiamo fare grandi cambiamenti e che la soluzione spesso è dietro l’angolo, ma solo in pochi hanno l’immaginazione per fare quel passo. Poi si da il caso che quella sera in TV parlassero del primo uomo nello spazio…”

Qui sotto potete vedere in anteprima il video, realizzato da Domenico Calabrò e Luca Francioso:

Redazione Rumore
Redazione Rumorehttps://rumoremag.com
Rumore è da oltre 30 anni il mensile di riferimento per la cultura alternativa italiana. Musica (rock, alternative, metal, indie, elettronica, avanguardia, hip hop), soprattutto, ma anche libri, cinema, fumetti, tecnologia e arte. Per chi non si accontenta del “rumore” di sottofondo della quotidianità offerto dagli altri magazine.

PIÙ LETTI

More like this
Related

L’ansiogeno video dei Big Mountain County, Follow Me, in anteprima

In attesa del nuovo album Deep Drives, la band romana Big Mountain County torna con un nuovo singolo e video

Le foto di James Blake all’Auditorium Parco della Musica di Roma – 09/07/2024

Il racconto per immagini di Daniela Liucci della data romana di James Blake

Le foto degli Alvvays al Circolo Magnolia di Milano – 09/07/2024

Starfooker ci racconta attraverso le immagini il live milanese degli Alvvays

Gli Interpol al Vittoriale e la pace della maturità consolidata

Il concerto degli Interpol al Festival Tener-a-mente al Vittoriale al Gardone Riviera in provincia di Brescia, raccontato da Luca Doldi