• 12
    Shares

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi
dal 7 al 13 gennaio 2019

2. L’OMAGGIO DI COLAPESCE A FABRIZIO DE ANDRÉ

Se n’è parlato più per il discutibile post del ministro dell’interno con la citazione da Il pescatore che per celebrarne i capolavori, noi per i 20 anni dalla scomparsa preferiamo ricordare Fabrizio De André con la bella cover di Canzone dell’amore perduto fatta da Colapesce.

3. THOM YORKE NON ANDRÀ ALLA CERIMONIA DELLA HALL OF FAME

Quest’anno i Radiohead sono fra i gruppi ammessi nella Rock And Roll Hall Of Fame, ma, coerente con il disinteresse sempre dimostrato nei confronti di questo riconoscimento, Thom Yorke ha fatto sapere che non parteciperà alla cerimonia di ingresso: “Non posso”, ha detto durante un’intervista a Variety, “so che non posso a causa di questa musica per piano che ho scritto. C’è la Filarmonica di Parigi, quindi devo essere lì… sono impegnato”, e ha aggiunto: “Siamo sempre stati molto indifferenti a questa roba. Non vogliamo offendere nessuno, solo che pensiamo di non capire. Ce l’hanno spiegato, è figo ma non lo capiamo fino in fondo, essendo inglesi. Credo che il nostro problema sia che fondamentalmente le cerimonie di premiazione in UK fanno schifo. Siamo cresciuti con i Brit Awards, che sono questa specie di incidente d’auto da ubriachi in cui non vuoi essere coinvolto”.

4. R KELLY CONTRO TUTTI

Il documentario Surviving R. Kelly ha scoperchiato il vaso di Pandora delle tante accuse di molestie ricevute da R. Kelly, dal quale in questi giorni hanno preso le distanze colleghi e collaboratori. Fra questi si sono detti pentiti di aver lavorato con lui Lady Gaga, John Legend e Chance The Rapper, e anche la figlia e la ex moglie hanno scritto post in cui si schierano dalla parte delle vittime, contro l’uomo con cui dicono di non avere contatti da anni.

Visualizza questo post su Instagram

Thank God for his grace,guidance,love AND deliverance. I celebrate the women I am TODAY! Though some want “expose” the pain filled, scared,abused women I was…..STOP! I AM No longer afraid. No longer willing to silence my PAIN AND SUGARCOAT THE ABUSE I ENDURED because of how my abuser and his LEGAL TEAM were THREATENING to come against me if I “didn’t choose wisely.” NO MORE! Don’t speak about MY GROWTH OR JOURNEY especially if you have NEVER BEEN ABUSED. And for the ones that have endured my pain and have been in the place I WAS IN YEARS AGO….as in IN MY PAST?YOU’RE NOT ALONG. From covering bruises and saying you “bumped into the counter” to telling his co-workers he a wonderful provider and a “good man” to avoid a beating for saying the opposite….I was you! I want you to know you don’t have to cover for your abuser ANY MORE!!! It took a lot of therapy and even more tears to know what I know TODAY!!!! Oh did I say TODAY!!!! PS….WHAT I DID or SAID SHOULD NEVER BE MORE IMPORTANT THAN WHY I DID IT OR SAID IT. Do your research on #domesticviolence and the #cycles #signs and #effects before you deem yourself JUDGE AND JURY!!! OH I HAVE SOOOO MUCH MORE TO SAY AND I WILL VERY SOON!!!! #survivor IAMDREAKELLY……

Un post condiviso da Drea Kelly (@officialdreakelly) in data:

5. LA VERSIONE KARAOKE DI BOHEMIAN RHAPSODY

Dopo il clamoroso successo e il Golden Globe a Rami Malek, il biopic su Freddie Mercury Bohemian Rhapsody tornerà nei cinema (il 22 e 23 gennaio in Italia) con la versione Karaoke. Sì, suona spaventoso, ma per chi ha fatto fatica a non lanciarsi nel singalong durante la visione sarà liberatorio.


  • 12
    Shares