Si intitola Racines, parola francese che significa Radici, ed esce il prossimo 15 febbraio il nuovo album dei C’mon Tigre. Il disco, pubblicato da BDC e distribuito in tutto il mondo da !K7, unisce i suoni del Mediterraneo ad altri tipi di sonorità e a un nuovo approccio basato, raccontano,

sul tipo di lavoro che avevamo fatto riarrangiando il primo album per i live, quindi enfatizzando la parte sintetica dei pezzi. La composizione dei brani ha previsto sin dall’inizio l’utilizzo di macchine e sintetizzatori come base per l’intervento di strumenti acustici. L’obiettivo era di riprocessare in maniera più contemporanea il terreno dell’influenza mediterranea da cui il nostro progetto è indubbiamente partito. Per la prima volta abbiamo usato delle voci sintetiche, ma trattate alla maniera primordiale, non con vocoder, ma con l’uso di talk box che ci hanno dato la possibilità di modulare le parole usando la bocca come cassa armonica.

Inoltre, Racines sarà proposto sia in formato cd sia in una versione doppio vinile + libro comprendente un volume da sfogliare durante l’ascolto dell’album, che a ogni brano accosta un particolare universo visivo. Gli artisti coinvolti sono i fotografi Harri Peccinotti e il serbo Boogie, il pittore Mode 2, lo street artist Ericailcane, e ancora Shigekiyuriko Yamane, Stefano Ricci, Maurizio Anzeri, Sic Est, oltre a Gianluigi Toccafondo e Danijel Žeželj, che avevano realizzato i video per i brani del 2014 Federation Tunisienne de Football e A World of Wonder. Toccafondo, Anzeri e Sic Est firmeranno anche tre video realizzati con tecniche differenti (rispettivamente pittura animata, stop motion e animazione 3D), in accompagnamento ai singoli Underground Lovers, Mono No Aware 物の哀れ e Behold The Man, in uscita tra dicembre 2018 e marzo 2019.
A febbraio partirà anche il tour, queste le date confermate:

22/02- Bologna, TPO
28/02 – Milano, Santeria Social Club
09/03 – Roma, Monk
10/03 – Terlizzi (BA), MAT
14/03 – Torino, Hiroshima Mon Amour
15/03 – Padova, Hall
22/03 – Brescia, Latteria Molloy
23/03 – Firenze, Auditorium Flog
29/03 – Ravenna, Bronson