Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi
dal 15 al 21 ottobre 2018

1. IL VIBRATORE DI MARILYN MANSON

Regalini di Halloween per i fan del reverendo Manson: stencil per intagliare zucche con il suo logo, ma soprattutto, un vibratore – nero, naturalmente – elegantemente decorato con la sua faccia. Hashtag Dick Or Treat.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

I guess this is…Halloween. #dickortreat

Un post condiviso da Marilyn Manson (@marilynmanson) in data:

2. LE DECORAZIONI DI HALLOWEEN DI MATTHEW LINEHAM

Ancora Halloween, parliamo di addobbi: lo shop delle creazioni di Matthew Lineham è sempre foriero di grandi soddisfazioni in particolare per i fan della new wave, e per Halloween potete divertirvi a decorare casa con adesivi e festoni dove fra scheletri e zucche campeggiano in tutta la loro allegria Morrissey, Siouxsie, Robert Smith, Martin Gore e Dave Gahan, e David Bowie con la sua linea personale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Reusable window clings!!! ON SALE NOW at Mlinehamart.com!

Un post condiviso da Matthew Lineham (@mlinehamart) in data:

3. L’ASCIA DEI WILCO

Abbiamo un vincitore in fatto di merchandise fantasioso: i Wilco hanno realizzato una collezione in collaborazione con il brand Best Made Co., che comprende un box in legno con i dieci album autografati, alla modica somma di 1200 dollari, una bandiera ma soprattutto un’ascia. Sì, un’ascia, perché, voi non ascoltate i Wilco mentre spaccate la legna? Costa 450 dollari, per la cronaca.

4. LE T-SHIRT BENEFICHE DI KATHLEEN HANNA

Kathleen Hanna ha lanciato una linea di T-shirt – con le facce di Grimes, Carrie Brownstein, Patton Oswalt, Kim Gordon, Ad-Rock, W. Kamau Bell, Joan Jett, Chuck D, Kristen Schaal, and Justin Vivian Bond – allo scopo di supportare l’organizzazione no-profit Peace Sisters. “Non ci sarà mai uguaglianza”, ha spiegato, “se non ascolteremo le voci delle donne africane. E non ascolteremo le voci delle donne se non avranno istruzione. Un’altra parte del problema è Trump che chiama l’Africa “shithole”. Come posso rispondere a questo come cittadina? Come posso dare qualcosa di positivo alla luce di questo? Ho trovato un’organizzazione gestita da qualcuno che è cresciuto nell’Africa occidentale, che manda soldi alle scuole ogni anno, e lo fa da 15 anni. Questa è la mia opportunità di allearmi con il suo progetto già di successo”.

5. RICHARD ASHCROFT DÀ FUOCO AL NME

Richard Ashcroft non ha preso benissimo l’accoglienza tiepida, per usare un eufemismo, riservata dalla critica al suo nuovo album Natural Rebel, in particolare si è risentito con il NME tanto da bruciare un vecchio numero della rivista dove appariva in copertina, e postare il tutto su Instagram. “Ho bruciato il NME”, ha detto in un’intervista. “Vaffanculo, non vi sto vendendo, avete la mia faccia lì ora che mi fa a pezzi. Non mettete ancora la mia faccia sul vostro stupido sciocco pezzo di merda digitale, non me ne frega un cazzo, metteteci Lady Gaga, tutte quelle cazzo di band americane. Non siete nemmeno più una rivista”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#musicispower #naturalrebel on the wrong side of history ?ᅡᆴ️?￯ᄌマ you offered me the god like genius remember ? I was 2 busy staying alive #soul man

Un post condiviso da Richard Ashcroft (@richardashcroftofficial) in data:

6. A BOBBY GIELLESPIE NON PIACE LA SKIBIDI CHALLENGE

Lo scorso giovedì Bobby Gillespie era ospite del programma della BBC This Week,dove ha parlato di politica e Brexit. Alla fine del programma, per motivi inspiegabili, tutti si sono lanciati nella Skibidi Dance, l’ultima challenge di ballo della rete, tutti tranne il frontman dei Primal Scream, che è rimasto immobile con la faccia di chi preferirebbe morire seduta stante piuttosto che fare la figura del deficiente. Bobby, siamo tutti con te. Al minuto 45:30:

E se non vi bastano queste news in pillole, qua trovate quelle musicali e qua quelle scovate dalla rete.