Dieci video, una settimana, la nostra selezione.
Dal 24 al 30 settembre 2018

1. Rolling Blackouts Coastal FeverSister’s Jeans

I jeans non sono un indumento ma uno stile di vita, un partner che ci accompagna in viaggio, al lavoro, nei momenti di relax e in tutte le fasi della vita. E in questo caso, anche un partner artistico: il viaggio in Australia del nuovo video dei RBCF è stato reso possibile dal Levi’s Music Prize assegnato alla band.

2. Fucked UpAccelerate

Il nuovo brano che anticipa l’album in uscita a ottobre “irrompe come i Boredoms su un treno ad alta velocità e si dissolve in un incubo digitale. Il nostro eroe David si ritrova esausto al suo punto piè debole e decide di presentarsi come una bomba pronta a esplodere a causa degli stimoli continui del consumismo”.

3. MecnaUn Drink O Due

In partenza per il tour invernale di supporto all’ultimo Blue Karaoke, Corrado Grilli aka Mecna ci offre un nuovo estratto, optando per il brano più solare dell’album, per il quale ha realizzato un video “visionario, essenziale e altrettanto solare”, con tanto di squadra di nuoto sincronizzato, diretto da Enea Colombi e prodotto da Borotalco.tv & Velocissimo,

4. Eric BachmannJaded Lover, Shady Drifter

Il video è diretto dallo stesso Eric Bachmann, che racconta: “ho girato questo video mentre guidavo per il Canada occidentale durante il mio ultimo tour, e montato a tarda notte in hotel economici, campeggi, e parcheggi dei Walmart. Sempre nel retro di un dannato furgone, sali sul dannato furgone, Rock n Roll Man! Sali sul dannato furgone!”

5. Remember SportsThe 1 Bad Man

La nostalgia la fa da padrona in questo video diretto da Faye Orlove, che crea il “museo di quello che eravamo”. Lo visitiamo insieme alla riproduzione in plastilina della cantante Carmen Perry, ed entriamo nei ricordi – biglietti di concerti, filtri di tè, balsami labbra – di vite e relazioni passate, esibiti come opere d’arte. E forse lo sono.

6. Homeboy Sandman & Edan#NeverUseTheInternetAgain

Stufi di farvi mangiare la vita dai social network e rovinarvi la vista passando le giornate davanti a uno schermo? Non siete soli. Homeboy Sandman ed Edan sono così stufi che vanno ingiro per New York a distruggere computer, telefoni, tablet e tutto ciò che ci rende schiavi. Non prendete esempio dalle loro gesta, magari basta spegnere tutto per qualche ora al giorno.

7. Spiritual CrampThe Erasure

“The Erasure parla del tentativo di non perdere completamente la mia personalità nella ricerca di un automiglioramento”, spiega il frontman Michael Bingham: “Mi sto sforzando di riempire quei vuoti con positività ma non sono sicuro di dove cercare. Voglio solo essere gentile e benintenzionato. Sto ancora cercando le risposte”.

8. Young JesusSaganism vs. Buddhism

“Una mattina”, racconta John Rossiter, “mi sono svegliato con la scritta “Saganism vs. Buddhism” sulla mano. Non sono sicuro di cosa parlasse il sogno che avevo fatto, ma mi piace pensare a queste due idee una contro l’altra. Probabilmente sentivo la tensione fra il vivere in questi tempi ansiosamente scientifici e tecnocentrici e il desiderio di qualcosa di più eterno, meno antropocentrico”.

9. GoldLinkGot Friends ft. Miguel

I video musicali vengono definiti abbastanza spesso “short film”, qualche volta a ragione, qualche volta solo per darsi un tono. In questo caso, la clip diretta da Christian Sutton ha effettivamente una una cura da cortometraggio, e una trama che piacerà a chi apprezza l’horror dai toni grotteschi.

10. Oh Pep!Hurt Nobody

“Hurt Nobody”, dice la regista Emily Dynes, “mi ha colpito dalla prima volta che l’ho ascoltata. La canzone contiene un tipo di dolore molto gutturale, crudo e femminile, quindi è stato naturale mettere insieme un team creativo tutto femminile. È stato bellissimo passare tre giorni a girare e ballare sulle montagne della regione di Victoria, in Australia”.

E se non vi sono bastati questi video, qui potete guardarne altri (Jeff Tweedy, 180dB, Ultrakelvin, Des Moines, Weezer, Cara, Black Lagoon)