• 5
    Shares

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi
dal 23 al 29 aprile 2018

1. KENDRICK LAMAR AL COLOSSEO

Se questa settimana eravate a Roma, potreste esservi imbattuti in un turista molto particolare: Kendrick Lamar. Il rapper nonché fresco premio Pulitzer, insieme alla fidanzata ha visitato il Colosseo, il Vaticano, e ha fatto pausa pranzo in trattoria.

2. ROCKER VEGANI

A proposito di trattorie: sono sempre più lontani i tempi della vita dissoluta delle rockstar. Oggi i rocker sono morigerati e mangiano sano, addirittura vegan, come il terzetto che ha cenato (e visitato le cucine) da Crossroads Kitchen a Los Angeles, uno dei migliori ristoranti vegani degli Stati Uniti: Slim Jim Phantom degli Stray Cats, Marky Ramone e l’ex Guns N’ Roses Steven Adler.
Entusiasti, i tre hanno documentato la cenetta sui rispettivi social.

3. IL MATRIMONIO VIOLENTO DI KELIS

L’ennesima storia di abusi stavolta la racconta Kelis, che in un’intervista a The Hollywood Unlocked ha parlato dei maltrattamenti subiti dall’ex marito Nas, con cui è stata sposata dal 2005 al 2009: “è stato un periodo davvero oscuro. C’era tanto alcool. Tanta violenza fisica e verbale”, dice, aggiungendo come le foto di Rihanna picchiata da Chris Brown nel 2009 le avevano fatto pensare alla sua situazione: “avevo sempre lividi ovunque. Vedere lei, il modo in cui appariva, e poi guardare me stessa, ero imbarazzata. Ero inorridita”.

4. IL PROFESSOR GUY GARVEY

Che gli Elbow sappiano come si scrive una bella canzone è innegabile. Tanto che il frontman Guy Garvey sarà professore di songwriting alla Manchester Metropolitan University. Il cantante, a cui fra i vari riconoscimenti della carriera – Mercury Prize, Novello Award – era stato assegnato un dottorato onorario dalla stessa università nel 2012, ha detto che intende passare agli studenti quello che lui ha imparato a sua volta da autori come Elton John e Robert Plant.

5. SHAME ON YOU, AMBER RUDD

Non solo Trump. Mentre gli artisti, americani e non, non smettono di esprimere disappunto nei confronti del presidente (anche indirettamente, vedi la pioggia di critiche a Kanye West per il suo supporto), anche in Inghilterra i politici al governo non sono proprio ben visti: ultimo bersaglio di un tweet velenoso il ministro degli interni Amber Rudd, che gli Shame hanno definito, per le sue politiche sull’immigrazione, “a fucking weapon”, proponendo poi una provocatoria petizione per farla deportare.

E se non vi bastano queste news in pillole, qua trovate quelle musicali e qua quelle scovate dalla rete.


  • 5
    Shares