Lemmy Kilmister: la scomparsa di un concetto

Date:

lemmy_motorhead

di Mario Ruggeri

Di coccodrilli ne sarà piena la stampa. Così di biografie. Ricostruire oggi la vita di un simbolo della musica popolare del ‘900, non ha alcun senso. Lemmy Kilmister è morto all’età di 70 anni. Sarebbero potuti essere 30 o 120 e non avrebbe fatto alcuna differenza. La notizia è che Lemmy non c’è più o, citando il commiato di Ozzy Osbourne, tra i primi a dare testimonianza di una fratellanza vissuta nel segno del rock “…ciao fratello, ci vediamo dall’altra parte…”. Lemmy, come qualsiasi altro essere umano, oggi sarà proprio dall’altra parte e, c’è da scommetterci, “dall’altra parte” avranno qualche problema di gestione dell’ordine. Lemmy non è morto: semplicemente non suonerà più per noi. Ricevo un messaggio da un amico: Lemmy non era un uomo. Era un concetto. Mi fermo. Rifletto. È vero.

Chiunque abbia seguito il rock, e non solo il metal, per più di due giorni, si è fatto accompagnare dalla sua serena ribellione, dal suo essere ordinario negli eccessi. Già, perché se ci pensate bene, Lemmy non ha mai dovuto eccedere per essere eccessivo. Lui seguiva le sue regole di vita, il suo modello personale di esistenza, legato così profondamente all’essenza del rock and roll: lo ha sempre fatto senza schiamazzi, senza pubblicità o senza doversi accreditare come ribelle. Lemmy era semplicemente il concetto di Rock and Roll, quello che oggi scompare. Le pagine dell’autobiografia La Sottile Linea Bianca (Dalai Editore, 2008), attraverso la voce dell’uomo che ha dato inizio alla sua vita musicale come…”selezionatore di droghe per il tour europeo di Jimi Hendrix…”, hanno detto e raccontato tutto. È importante invece metabolizzare un concetto: se la natura del rock and roll è volume (e non caos), libertà (e non ribellione), energia (e non violenza), anarchia (e non opposizione), edonismo (e non autodistruzione), fantasia (e non disordine), amore per la vita (e non odio), celebrazione (e non ritualismo), allora Lemmy è stato il concetto di rock and roll. Ne ha rappresentato ogni sfaccettatura, ogni valore, ogni elemento, senza risparmiarsi mai nulla, ma con quell’ironia e quell’allegria tipica di chi, in pace con se stesso, ha scelto di essere e non di apparire. Nessuno dei miti del rock che tanto celebriamo, da Hendrix a Cobain, da Barrett a Garcia, da Vicious a Crash, è mai stato così profondamente e intimamente rock and roll. Non sono state le droghe, le donne, le sigarette, i fiumi di alcool ad averlo assurto a mito. È stato il fatto che Lemmy viveva così ogni giorno, perché quella era la sua normalità. Una leggenda della cultura popolare del ‘900 che, rientrando a casa, se ne andava al bar di fronte a giocare alle slot machine, tra un Jack Daniel’s e una sigaretta, parlando con gli avventori come un qualsiasi essere umano terminata una giornata lavorativa. Chi altri lo avrebbe mai fatto? La vita di Lemmy si racchiude nel suo motto “Born To Lose, Live to Win: nato per perdere, vivo per vincere”. È questo concetto che oggi Lemmy si porta via. Porta con sé la cultura del rock and roll che nessuno, ad oggi, ha mai saputo ereditare.

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Piu' letti

More like this
Related

RUMORE 100: i 100 dischi essenziali dei cantautori italiani

Rumore 100 è il nuovo progetto editoriale di Rumore e il secondo numero in edicola è dedicato ai 100 dischi essenziali del cantautorato italiano. Al suo interno 200 schede, 100 canzoni e altri 100 titoli indimenticabili

Brian Eno, il nuovo album. Ascolta e guarda il video del singolo There Were Bells

There Were Bells è il primo singolo estratto dal nuovo album di Brian Eno, Foreverandevernomore, in uscita a ottobre

Rumore Week: dal ritiro delle accuse contro Bob Dylan fino all’addetto alla sicurezza al concerto di Kendrick Lamar

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi. Dal 25 al 31 luglio 2022

Guarda il nuovo trailer del film su David Bowie Moonage Daydream

Moonage Daydream, il nuovo documentario su David Bowie diretto...

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

 

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti.

Con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare dati precisi di geolocalizzazione e identificazione tramite la scansione del dispositivo. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori il trattamento per le finalità sopra descritte. In alternativa puoi accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire o di negare il consenso. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi