Live Report: Brand New @ Live Forum, Milano, 27/04/2014

Date:

Brand-New

di Mavi Mazzolini

Se siete nati a un certo punto fra i primi anni ottanta e i primi novanta, probabilmente frasi come “die young and save yourself”, “my tongue is the only muscle in my body that works harder than my heart” o “ I’ve seen more spine in jellyfish. I’ve seen more guts in eleven-year-old kids” non vi sono nuove. Se lo sono, andate ad ascoltarvi i Brand New ed innamoratevene; se non lo sono, molto probabilmente anche voi eravate sotto il palco del Live Forum a struggervi. E finalmente: erano 7 anni che Jesse Lacey e soci non toccavano suolo italiano.

Fare da apripista per un concerto così atteso richiede nervi e bravura, e i Front Bottoms si sono dimostrati all’altezza: del New Jersey, i loro testi sono di quella sincerità che ti aspetti dal tuo migliore amico. “And I will remember that summer as the summer I was taking steroids, because you like a man with muscles and I like you” è la mia parte preferita di The Beers, ad esempio, in cui le chitarre sbavano e fissano quell’atmosfera che a me ricorda molto la brezza di fine estate e le feste dei licei, quei gruppi di ragazzi un po’ raccontate da John Hughes e un po’ dai Goonies. Live non sono assolutamente perfetti, e così deve essere – Brian Sella, il cantante, dimentica le parole della seconda canzone ma “l’importante è che vi siate divertiti”. Nota di apprezzamento al tuttofare che suona un po’ tutto, xilofono e tromba inclusi e mio personale idolo.

Per gli headliner niente foto, “almeno fino a quando non uscirà il prossimo disco” – mi riferiscono. E se non si capisce il perché, sicuramente ha aiutato a creare hype sul prossimo lavoro dei Brand New: ci sarà? non ci sarà? quando? Intanto, il loro ultimo lavoro è uscito nel 2009 e si chiama Daisy: a molti non è piaciuta la virata verso un sound paranoico, ma cosa vi devo dire, io con le paranoie vado a braccetto, e Daisy è forse il mio preferito. Forse, perché scegliere fra quello, Dejà Éntendu e The Devil And God Are Raging Inside Me è difficile se non impossibile. Parlavamo di paranoie, e paranoico è l’inizio del live: chitarre tirate e distorte, Jesse Lacey che urla un dolore gutturale come solo lui sa fare e batteria mordente. Vices, Soco Amaretto Lime, Okay I Believe You But My Tommy Gun Don’t… Ma come fai a sceglierne una? Ripeto, io sono di parte; magari chi non è particolarmente fan non riesce a divertirsi data l’interazione con il pubblico pari a zero. Ma, ancora, dai Brand New che ti aspetti? Vedendoli sul palco, così distanti e velati pur suonando una musica decisamente viscerale, il divieto fotografico trova un suo certo perché: i Brand New non li puoi proprio capire se non vai a vederli live, se non ti stagli a qualche metro da Lacey che chiede a Jesus Christ “what did you do those three days you were dead? ‘Cause these problem’s gonna last more than the weekend”.

Redazione Rumore
Redazione Rumorehttps://rumoremag.com
Rumore è da oltre 25 anni il mensile di riferimento per la cultura alternativa italiana. Musica (rock, alternative, metal, indie, elettronica, avanguardia, hip hop), soprattutto, ma anche libri, cinema, fumetti, tecnologia e arte. Per chi non si accontenta del “rumore” di sottofondo della quotidianità offerto dagli altri magazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Piu' letti

More like this
Related

RUMORE 100: i 100 dischi essenziali dei cantautori italiani

Rumore 100 è il nuovo progetto editoriale di Rumore e il secondo numero in edicola è dedicato ai 100 dischi essenziali del cantautorato italiano. Al suo interno 200 schede, 100 canzoni e altri 100 titoli indimenticabili

Brian Eno, il nuovo album. Ascolta e guarda il video del singolo There Were Bells

There Were Bells è il primo singolo estratto dal nuovo album di Brian Eno, Foreverandevernomore, in uscita a ottobre

Rumore Week: dal ritiro delle accuse contro Bob Dylan fino all’addetto alla sicurezza al concerto di Kendrick Lamar

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi. Dal 25 al 31 luglio 2022

Guarda il nuovo trailer del film su David Bowie Moonage Daydream

Moonage Daydream, il nuovo documentario su David Bowie diretto...

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

 

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti.

Con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare dati precisi di geolocalizzazione e identificazione tramite la scansione del dispositivo. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori il trattamento per le finalità sopra descritte. In alternativa puoi accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire o di negare il consenso. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi