•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Anche il biografo di Bob Dylan è intervenuto sulle accuse di abusi sessuali, in difesa del cantante

In questi giorni Bob Dylan si è trovato a essere protagonista delle cronache per un’accusa di molestie sessuali da parte di una donna che sostiene di essere stata abusata dal cantante nel 1965, quando aveva solo 12 anni. Secondo il racconto di J.C., queste le iniziali della donna, Dylan l’avrebbe manipolata facendole assumere alcol e droghe per abusarla sessualmente per un periodo di sei settimane nella primavera del ’65 al Chelsea Hotel di New York. Gli avvocati della donna scrivono che “J.C. ha subito lesioni fisiche e psicologiche, tra cui, ma non solo, gravi emozioni e disagio psicologico, umiliazione, paura, dissociazione, rabbia, depressione, ansia, disordini personali e perdita di fede, un grave shock, dolore fisico e angoscia mentale e danni emotivi e psicologici”. Un portavoce dell’artista ha detto a BBC che le accuse di molestie sessuali che gli sono state rivolte “non sono vere e saranno difese strenuamente”.

Inoltre, pare che in quei mesi Dylan non fosse a New York, ma in tour in Inghilterra e a girare il documentario di D.A. Pennebaker Don’t Look Back. In sua difesa è arrivata anche la dichiarazione del biografo Clinton Heylin, che in un’intervista all'”Huffington Post” ha detto: “Non è possibile. Dylan era in tour in Inghilterra in quel periodo, e a Los Angeles per due di quelle settimane, oltre a uno o due giorni a Woodstock. Il tour era di 10 giorni ma Bob è arrivato a Londra il 26 aprile e tornato a New York il 3 giugno. Se è stato a New York a metà aprile è stato per non più di uno o due giorni. La maggior parte del tempo quando non era in tour era a Woodstock. E se era a New York stava invariabilmente nell’appartamento del manager a Gramercy, non al Chelsea”. Heylin ricorda poi che Dylan in quei mesi era costantemente seguito dalle telecamere per il documentario.

**** Se anche tu o una persona che conosci è vittima di violenza o stalking, chiama il 1522 per farti aiutare o chiedere consiglio. Il numero gratuito è attivo 24 h su 24 (anche da cellulari) e accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto oppure potete chattare con una operatrice direttamente da  Trovi tutte le informazioni qui. ****


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •