Rumore Week: che cosa ̬ successo questa settimana (4/5 Р10/5)

Date:

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi
dal 4 al 10 maggio 2019

X Æ A-12

Cos’è, una formula matematica? Il nome in codice di un agente segreto? La sigla del nuovo virus letale? Niente di tutto questo: X Æ A-12 è il nome del figlio di Grimes ed Elon Musk. In un tweet, Grimes ha spiegato che non è stato composto lanciando le lettere dello Scarabeo, ma che ogni carattere ha un senso preciso. In ogni caso, auguri ai neogenitori (e soprattutto al piccolo X Æ A-12).

I SOUNDGARDEN FANNO CAUSA ALLA VEDOVA DI CHRIS CORNELL

I membri sopravvissuti dei Soundgarden hanno denunciato la vedova di Chris Cornell, accusandola di aver usato i fondi raccolti per beneficenza “per scopi personali per se stessa e per la sua famiglia”. La causa fa riferimentoal concerto del 2019 “I Am the Highway: A Tribute to Chris Cornell” di cui “non sono stati identificati i destinatari delle entrate”. “Vicky Cornell”, recita la denuncia, “non aveva intenzione di usare parte o tutti i ricavati per scopi benefici, ma per se stessa e la sua famiglia”, e avrebbe mentito “allo scopo e all’intenzione di indurre i Soundgarden ad accettare di esibirsi al Cornell Concert senza compenso”.

TOM MORELLO VUOLE LE CHITARRE

A Tom Morello non piace la musica di oggi perché mancano le chitarre: l’ha detto in un’intervista a Metal Hammer, dove si è lamentato, dicendosene addirittura “disgustato”, anche della pigrizia dei giovani che “Non vogliono stare seduti a esercitarsi con la chitarra elettrica per otto ore al giorno. Cercano tutti una strada più facile per diventare famosi. Guarda le canzoni nella Top 50 delle radio negli Stati Uniti – non c’è nessun assolo di chitarra. Nella situazione attuale, non c’è nessuna industria discografica. Se arrivassero i nuovi Metallica o i nuovi Rage Against The Machine, manca l’apparato per spingerli nel mondo come succedeva 20 o 25 anni fa”. In un post di circa due anni fa, il chitarrista aveva parlato della sua routine da giovane: “8 ore al giorno, ogni giorno. 2 di tecnica e scale, 2 di teoria musicale, 2 a imparare e scrivere canzoni e 2 a improvvisare accordi sulla radio”.

AXL ROSE VS STEVE MNUCHIN

Non sono ancora chiare le ragioni che hanno spinto Axl Rose a scrivere il suo tweet contro il ministro del tesoro statunitense Steve Mnuchin: “è ufficiale!”, scrive il frontman dei Guns N’ Roses, “Qualunque cosa abbiate potuto pensare in precedenza di Steve Mnuchin, è ufficialmente uno stronzo”. Probabilmente si tratta di una risposta alla dichiarazione del ministro che invitava ad “approfittare” della pandemia e dell’impossibilità di viaggiare per visitare l’America. Il ministro ha risposto con un laconico “Cos’hai fatto tu per il paese, ultimamente?”, e Axl ha ribattuto ancora: “Colpa mia, non ho capito che speriamo di emulare il modello economico liberiano ma sul serio a differenza di questa amministrazione non sono responsabile per 70000 morti e a differenza di te non ho una posizione di responsabilità nel governo degli Stati Uniti e non vado in TV a dirgli di viaggiare nel paese durante una pandemia”.

BRIAN MAY IN OSPEDALE

Niente coronavirus, se non indirettamente come effetto dei passatempi casalinghi: Brian May si stava dedicando al “giardinaggio super-entusiasta” quando “Sono stato capace di strapparmi il gluteo. Improvvisamente mi sono ritrovato in ospedale a farmi analizzare per capire quanto mi fossi effettivamente danneggiato. è venuto fuori che ho fatto un ottimo lavoro”.

Visualizza questo post su Instagram

Reality check ! For me. No – the Virus didn’t get me yet – thank God. Hope you’re all keeping extra-safe out there. A decision to relax controls doesn’t suddenly make the danger go away. But me ?? Yes, I’ve been quiet. Reason ? As well as getting over-stretched and harassed by too many demands … I managed to rip my Gluteus Maximus to shreds in a moment of over-enthusiastic gardening. So suddenly I find myself in a hospital getting scanned to find out exactly how much I’ve actually damaged myself. Turns out I did a thorough job – this is a couple of days ago – and I won’t be able to walk for a while … or sleep, without a lot of assistance, because the pain is relentless. So, folks … I need to go dark for a while, getting some complete rest, at home. Please, please don’t send me sympathy – I just need some healing silence for a while. I’ll be back – but I need the complete break. OK ? Thanks. Take care out there. Bri

Un post condiviso da Brian Harold May (@brianmayforreal) in data:

[td_smart_list_end]

E se non vi bastano queste news in pillole, qua trovate quelle musicali e qua quelle scovate dalla rete.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Piu' letti

More like this
Related

RUMORE 100: i 100 dischi essenziali dei cantautori italiani

Rumore 100 è il nuovo progetto editoriale di Rumore e il secondo numero in edicola è dedicato ai 100 dischi essenziali del cantautorato italiano. Al suo interno 200 schede, 100 canzoni e altri 100 titoli indimenticabili

Brian Eno, il nuovo album. Ascolta e guarda il video del singolo There Were Bells

There Were Bells è il primo singolo estratto dal nuovo album di Brian Eno, Foreverandevernomore, in uscita a ottobre

Rumore Week: dal ritiro delle accuse contro Bob Dylan fino all’addetto alla sicurezza al concerto di Kendrick Lamar

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi. Dal 25 al 31 luglio 2022

Guarda il nuovo trailer del film su David Bowie Moonage Daydream

Moonage Daydream, il nuovo documentario su David Bowie diretto...

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

 

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti.

Con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare dati precisi di geolocalizzazione e identificazione tramite la scansione del dispositivo. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori il trattamento per le finalità sopra descritte. In alternativa puoi accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire o di negare il consenso. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi