Rumore Week: che cosa ̬ successo questa settimana (30/12 Р5/1)

Date:

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi
dal 30 dicembre al 5 gennaio 2019

I MASSIVE ATTACK IN TRENO CONTRO IL CLIMATE CHANGE

In questi anni si parla molto dell’impatto ambientale dei grandi tour, e i Massive Attack di recente avevano commissionato una ricerca in proposito all’università di Manchester. Ora la band di Robert Del Naja ha deciso di fare qualcosa di ancora più concreto, e cioè usare il treno e non l’aereo per gli spostamenti: “come musicisti”, ha detto alla BBC, “abbiamo goduto di uno stile di vita ad alto consumo, ma come società abbiamo vissuto in un’economia basata sui combustibili fossili per molto tempo e non avevamo molta scelta. La sfida ora è non solo fare sacrifici personali ma battersi per un cambiamento del sistema”.

OZZY OSBOURNE È VIVO E CI SCHERZA SU

Dopo la figlia Kelly, che aveva scritto sui social che le voci su un Ozzy Osbourne “in fin di vita” erano “stronzate”, è stato lo stesso leader dei Black Sabbath a rassicurare i fan, con un post ironico in cui chiede: “avete sentito qualche buona notizia ultimamente?”.

Visualizza questo post su Instagram

Read any good news lately?

Un post condiviso da Ozzy Osbourne (@ozzyosbourne) in data:

I GUIDED BY VOICES SUONANO 100 CANZONI IN 4 ORE

Tutto comincia con un sogno che il suo medico racconta al leader Robert Pollard: i Guided By Voices che suonano 100 canzoni per 100 dollari. L’instancabile musicista, autore di 108 album fra GBV e altri progetti, decide di farlo davvero (non per 100 dollari), e così, la sera di capodanno, alla Teragram Ballroom di Los Angeles va in scena un concerto della durata di 4 ore e 20 con una setlist di 100 brani, di cui 65 del primo periodo della band, 32 degli anni successivi alla reunion del 2010, tre del Pollard solista e uno da un side project.

DABABY E IL SUCCO DI MELA DELLA DISCORDIA

Il rapper DaBaby è stato arrestato a Miami con l’accusa di furto e percosse ai danni di un promoter. Secondo i testimoni, l’artista avrebbe sottratto all’uomo, colpevole di avergli diminuito il compenso per la serata, 80 dollari, una carta di credito e un iPhone, prima di gettargli addosso del succo di mela, colpirlo e scappare lasciandolo a terra.

I GUNS N’ ROSES FANNO CAUSA A UN FAN

Ancora guai per Rick Dunsford, il superfan dei Guns N’ Roses che lo scorso ottobre era stato bandito a vita dai concerti della band per aver diffuso online materiale inedito dell’epoca di Chinese Democracy: ora per la stessa ragione, Dunsford rischia una denuncia da parte del management della band, che ha pagato 15000 dollari per i brani di cui il fan era entrato in possesso acquistandoli a un’asta da Tom Zutaut, ex A&R della casa discografica. Nonostante questo, Dunsford ha messo in rete i file, e per questo la Universal vuole fargli causa. “è davvero deludente, triste e spiacevole”, scrivono i GN’R in un comunicato, “che un discografico coinvolto con la band durante i primi anni abbia trovato appropriato mettere all’asta materiale inedito di proprietà del suo ex datore di lavoro”.

[td_smart_list_end]

E se non vi bastano queste news in pillole, qua trovate quelle musicali e qua quelle scovate dalla rete.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Piu' letti

More like this
Related

RUMORE 100: i 100 dischi essenziali dei cantautori italiani

Rumore 100 è il nuovo progetto editoriale di Rumore e il secondo numero in edicola è dedicato ai 100 dischi essenziali del cantautorato italiano. Al suo interno 200 schede, 100 canzoni e altri 100 titoli indimenticabili

Brian Eno, il nuovo album. Ascolta e guarda il video del singolo There Were Bells

There Were Bells è il primo singolo estratto dal nuovo album di Brian Eno, Foreverandevernomore, in uscita a ottobre

Rumore Week: dal ritiro delle accuse contro Bob Dylan fino all’addetto alla sicurezza al concerto di Kendrick Lamar

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi. Dal 25 al 31 luglio 2022

Guarda il nuovo trailer del film su David Bowie Moonage Daydream

Moonage Daydream, il nuovo documentario su David Bowie diretto...

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

 

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti.

Con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare dati precisi di geolocalizzazione e identificazione tramite la scansione del dispositivo. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori il trattamento per le finalità sopra descritte. In alternativa puoi accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire o di negare il consenso. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi