La risposta di Grimes alle accuse di “propaganda fascista della Silicon Valley” di Zola Jesus

Date:

“Sono d’accordo con ZJ – non chiamiamola una lite fra ragazze. Ha toccato un punto interessante”. Nel primo tweet di risposta a Zola Jesus, Grimes ci tiene a mettere in chiaro che non intende scatenare una guerra: la storia comincia quando, ospite del podcast del fisico Sean M. Carroll, Grimes dichiara che “presto la musica dal vivo sarà obsoleta”.

Arrivano un tweet di Zola Jesus, che la definisce “la voce del privilegio fascista della Silicon”, e poco dopo Devon Welsh a rincarare la dose, parlando di “propaganda fascista della Silicon Valley”.

In una serie di risposte, Grimes sostiene che “la tecnologia ha sempre cambiato il modo in cui facciamo e consumiamo musica e questo processo non si fermerà. Come andrà e quali sono le potenziali conseguenze positive? Non possiamo prevenire quelle negative se non cominciamo a vedere quelle positive. La tecnologia sta rendendo la musica più democratica! Le persone fanno arte incredibile con il pc senza istruzione musicale. Più persone che fanno musica = più arte nel mondo = rete positiva. Penso che siamo nel mezzo di un’incredibile esplosione creativa in gran parte guidata dalle tecnologie musicali più accessibili. Non tutta l’arte è buona ma questa è l’arte. Quello che conta è che la gente sta sperimentando. E questo succede anche per l’aspetto performativo della musica.

E continua: “Non è in discussione che la performance dal vivo sia una delle cose più emozionanti di cui si possa fare esperienza (sono stata a centinaia se non migliaia di concerti), ma non significa che non possiamo impegnarci a pensare a cosa potrebbe succedere in futuro. Per chiarire, io vivo di questo. La maggior parte delle mie entrate viene dai tour ed è una sfida essere on the road. Ma amo pensare al futuro e sono curiosa di come le nuove tecnologie potranno ridurre i costi sull’ambiente dei tour, per esempio. Il termine ‘obsoleto’ è probabilmente un po’ aggressivo, stavo andando a braccio. Ma vorrei un chiarimento sul termine ‘fascista'”.

Redazione Rumore
Redazione Rumorehttps://rumoremag.com
Rumore è da oltre 25 anni il mensile di riferimento per la cultura alternativa italiana. Musica (rock, alternative, metal, indie, elettronica, avanguardia, hip hop), soprattutto, ma anche libri, cinema, fumetti, tecnologia e arte. Per chi non si accontenta del “rumore” di sottofondo della quotidianità offerto dagli altri magazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Piu' letti

More like this
Related

RUMORE 100: i 100 dischi essenziali dei cantautori italiani

Rumore 100 è il nuovo progetto editoriale di Rumore e il secondo numero in edicola è dedicato ai 100 dischi essenziali del cantautorato italiano. Al suo interno 200 schede, 100 canzoni e altri 100 titoli indimenticabili

Brian Eno, il nuovo album. Ascolta e guarda il video del singolo There Were Bells

There Were Bells è il primo singolo estratto dal nuovo album di Brian Eno, Foreverandevernomore, in uscita a ottobre

Rumore Week: dal ritiro delle accuse contro Bob Dylan fino all’addetto alla sicurezza al concerto di Kendrick Lamar

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi. Dal 25 al 31 luglio 2022

Guarda il nuovo trailer del film su David Bowie Moonage Daydream

Moonage Daydream, il nuovo documentario su David Bowie diretto...

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

 

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti.

Con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare dati precisi di geolocalizzazione e identificazione tramite la scansione del dispositivo. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori il trattamento per le finalità sopra descritte. In alternativa puoi accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire o di negare il consenso. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi