• 230
    Shares

a cura di Luca Doldi

Come già ho scritto sul numero estivo di Rumore, il panorama europeo ormai è quasi completamente appiattito su festival tutti uguali. La sostenibilità finanziaria e il profitto di strutture organizzative imponenti ormai guidano tutte le scelte a discapito della direzione artistica degli eventi che cercano di attirare grandi folle con soluzioni consolidate.

L’Italia invece mantiene una sua linea peculiare, fatta di festival di medie dimensioni in stretta correlazione con il territorio. Sarebbe un suicidio infatti, in un Paese con un territorio come il nostro, arrivare all’omologazione europea, con line up e strutture quasi identiche, distanti pochi chilometri l’uno dall’altro. Si parla di festival con artisti internazionali in questo caso, perché per quel che riguarda i piccoli festival con line-up tutta italiana, purtroppo l’omologazione è già una pratica consolidata da anni, salvo alcune eccezioni. È però un circuito totalmente diverso, seguito anche da una fetta di pubblico più “popolare”, che certi appuntamenti li vive come una sorta di sagra 2.0. Per questo motivo sopravvivono anche come eventi di aggregazione a livello provinciale.

Quando poi si cerca di imitare i grandi eventi internazionali si incappa spesso in grandi buchi nell’acqua o in grandi buchi di bilancio: ultimo esempio di una lunga serie quello dell’Home Festival. Questo accade perché il bacino d’utenza, se non si coinvolgono nomi ultra-mainstream, rimane limitato e attirare pubblico dall’estero, senza una direzione artistica forte e mirata, è molto difficile, vista la marea di eventi ormai consolidati al di là dei confini. Non è un caso che gli unici due festival che oggi hanno un vero richiamo per il pubblico internazionale siano il Kappa Future di Torino e il Terraforma di Milano, con una fortissima personalità e una credibilità granitica presso il loro pubblico di riferimento.

Quando invece si punta sul territorio, sulla valorizzazione e sullo sfruttamento di edifici o piazze storiche, con line up curate e ricercate e un’attenzione particolare alla ristorazione basata su prodotti regionali, l’Italia offre eventi unici al mondo. Grazie a questi eventi si crea inoltre una rete che coinvolge commercianti, autorità, cittadini e associazioni. Così i festival diventano una risorsa che crea indotto e turismo a livello locale, anche in paesi fuori dalle coordinate del turismo di massa. Per questo credo che continuare con modelli come l’Ypsigrock Festival, Sexto ‘Nplugged, Viva festival e molti altri sia la strada giusta, tracciata molti anni fa da pionieri come il Pistoia Blues. Dobbiamo imparare a cambiare la nostra visione di questi eventi, perché offrono molto più di un semplice festival musicale. Ormai hanno tutte le caratteristiche per essere motivo di vanto e non di soggezione rispetto ai grandi eventi.

Tutto questo per presentarvi i migliori festival (e rassegne) dell’estate qui raccolti. Come già accennavo prima, troverete solamente gli eventi in cui sono coinvolti artisti internazionali. Per tutti gli altri più o meno piccoli, ci sarà spazio nel solito appuntamento bisettimanale di Gig Life.

1. Sexto ‘Nplugged

Billy Corgan, Sharon Van Etten, Michael Kiwanuka, Ex:Re

2-22/7 Sesto Al Reghena (PN)

Piazza Castello di Sesto Al Reghena è uno di quei luoghi che rende speciale un concerto, a prescindere da chi ci sia sul palco. Se poi sul palco c’è gente come Billy Corgan e Sharon Van Etten il concerto diventa magico.

2. Tri-p Music Festival

Tinariwen, Calexico and Iron & Wine, Mike Patton

2/7 – 2/9 Triennale/ Arcimboldi, Milano

La rassegna iniziata a giugno ha ancora tre grosse cartucce da sparare: il rock desertico dei Tinariwen, il folk dei Calexico & Iron and Wine e Mike Patton con il suo progetto Mondo Cane.

3. Collisioni

Thom Yorke, Liam Gallagher, Salmo e altri

4-16/7 Barolo (SI)

La rassegna di Barolo orientata verso un pubblico più “mainstream” per citare Calcutta, quest’anno offre due appuntamenti da non perdere: Liam Gallagher ma soprattutto Thom Yorke con i suoi Tomorrow Modern Boxes, al quale è dedicata la copertina del numero estivo di Rumore.

4. Arti Vive Festival

Anna Calvi, Sharon Van Etten, Cloud Nothings, James Holden, Emma-Jean Thackray, Bienoise, Populous e tanti altri

4-7/7 Soliera (MO)

Una selezione di artisti curata, con nomi di spicco della scena alternativa, pop ed elettronica. Un occhio attento all’Italia più talentuosa e valida. Un mix perfetto con ingresso sia gratuito che a pagamento.

5. Terraforma

Monolake, Laurie Anderson, Daniel Higgs, DJ Stingray, Mica Levi, Paquita Gordon, Caterina Barbieri, Bambonou, Juliana Huxtable, Vladimir Ivkovic, Donato Dozzy e molti altri

5-7/7 Villa Arconati, Bollate (MI)

Festival altamente consigliato e uno dei migliori se non il migliore in Italia per l’esperienza e la vivibilità durante tutti i tre giorni. Line up sempre equilibrata e molto ricercata sulle coordinate dell’elettronica e della sperimentazione.

6. Lars Rock Fest

Metz, Cloud Nothings, Wolfmother, Black Rainbows, Lags, Kint, Human Colonies, Becoming X e altri

5-7/7 Chiusi (SI)

Un festival che fa del fuzz e delle distorsioni la sua bandiera. Tre giorni completamente gratuiti, per vedere gente del calibro di Metz, Cloud Nothings e Wolfmother. Non male eh?

7. Pistoia Blues

Noel Gallagher, Ben Harper, Robben Ford, Black Stone Cherry e altri

5-10/7 Piazza Duomo, Pistoia

Il Pistoia Blues solitamente offre sempre grandi concerti per un pubblico ampio e variegato. Quest’anno vi segnalo in particolare Noel Gallagher e Ben Harper, che potrete ascoltare godendo di tutta la bellezza di Piazza del Duomo.

8. Lucca Summer Fest

New Order, Elbow, The Good The Badd & The Queen, Janelle Monàe, Salmo e altri

5-29/7

Altro festival “generalista”, che ha avuto l’onore di ospitare l’ultimo concerto di Morricone della sua carriera. Al suo interno potete trovare alcuni appuntamenti da non perdere. Come l’accoppiata New Order e Elbow, The Good, The Bad & The Queen di Damon Albarn, Janelle Monàe e Salmo.

9. Tener-A-Mente

Calexico and Iron & Wine, Glen Hansard, Garbage, Xavier Rudd, James Morrison, Diana Krall, Ghemon e altri

6-26/7 Anfiteatro del Vittoriale, Gardone Riviera (BS)

L’immagine qua sopra parla da sola, ancora meglio se ci abbinate una visita a tutto il Vittoriale degli Italiani nel pomeriggio. Calexico/Iron & Wine e Glen Hansard con vista lago saranno certamente indimenticabili.

10. Kappa Futur Festival

Modeselektor, Motor City Drum Ensemble b2b Jeremy Underground, Len Faki, Nina Kravitz, Peggy Gou, Boys Noize, Adam Port b2b Reznik, Dubfire, Carl Cox, Ricardo Villalobos, The Black Madonna, Vitalic, Richie Hawtin e molti altri

6-7/7 Parco Dora, Torino

Forse l’unico festival insieme al Terraforma che riesce ad attirare una buona fetta di pubblico anche dall’estero, con una due giorni quasi no-stop con nomi di punta dell’elettronica mondiale.

11. Punk Rock Raduno

Pansy Division, The Avengers, Dan Vapid & The Cheats, Derozer, Kepi Ghoulie, Deecracks, The Copywrights, The Yums Yums, Senzabenza e molti altri

11-14 /7 Edoné, Bergamo

Amanti del punk unitevi: quattro giorni di concerti con alcuni veterani della scena italiana e internazionale a guidare la line-up come Derozer, Senzabenza, Pansy Division e Yums Yums.

12. Home Venice

Editors, Paul Kalkbrenner, Bloc Party, Rival Sons, LP, Alborosie e molti altri

12-14/7

In queste poche righe non è il caso di fare un processo all’Home Festival, anche se dubitare della buona fede è legittimo, visto che un artista di quelli annunciati, già a maggio scriveva di essere altrove nella stessa data dell’Home. Ma non è stato annullato, i rimborsi dopo un primo abbaglio sono stati aperti e alla fine c’è comunque un festival con una line up non male. La domanda però sorge spontanea: era proprio necessario sparare così in alto?

13. Cinzella Festival

Franz Ferdinand, Afterhours, White Lies, BAttles, Marlene Kuntz, Digitalism, I Hate My Village

17-20/7 Cave di Fantiano, Grottaglie (TA)

Le Cave di Fantiano sono un po’ il nostro piccolo Red Rocks, teatro scavato nella roccia dove sarà sicuramente incredibile vedere Battles (non perdeteveli per nessun motivo al mondo) Franz Ferdinand, White Lies e gli altri.

14. Ferrara Sotto Le Stelle

Thom Yorke, Tash Sultana

18-22/7 Piazza Castello, Ferrara

Rimangono solo due date della rassegna ferrarese, una selle quali è certamente la più importante: Thom Yorke.

15. A Cielo Aperto

Pete Doherty & The Puta Madres, Easy Star All-Stars, Nu Guinea

23/7 – 18/8 Cesena

Anche qui due luoghi niente male per assistere a un concerto. Parte della rassegna è già in scena a giugno, ma potrete ancora gustarvi Pete Doherty, Easy Star All-Stars (con il rifacimento capolavoro dub/reggae di The Dark Side Of The Moon) e Nu Guinea.

16. Curtarock Festival

Therapy?, Dälek, Uzeda, Post Animal, Nitro, Zu, Face Your Enemy, Ultrakelvin, Robocobra Quartet, Sacri Monti, Danny Trejo, Lleroy, Brutal Birthday, Black Fingers, Brutal Birthday, Bad Pritt, Glincolti

24-28/7 Curtarolo (PD)

Vent’anni di Curtarock, un piccolo miracolo per un piccolo festival che è cresciuto senza fretta e si è consolidato con una squadra solida e affiatata. Quest’anno calano l’asso con i Therapy? e i Dälek.

17. Ortigia Sound System Festival

Giorgio Moroder, Neon Indian, Virgil Abloh, Ben Ufo, Pearson Sound, Pangaea, Call Super, Yussef Dayes, Leon Vynehall, Ross From Friends, Jerusalem In My Heart, Kokoko!, Lino Capra Vaccina, Charlotte Adigery e molti altri

24-28/7 Ortigia, Siracusa

Un’oasi artistica delimitata dal mare nel cuore di Siracusa, dove si esibiranno alcuni dei migliori artisti fra elettronica, rnb, jazz e sperimentazione. Un occhio di riguardo per il soul/rnb di Charlotte Adigery, la psichedelia elettronica africana dei Kokoko! e Jerusalem In My Heart.

18. Gaeta Jazz Festival

Yazmin Lacey, Phresoul, Joe Armon-Jones, Nicola Conte, Technoir, Napoli Segreta, Godblesscomputer e altri

25-28/7 Gaeta (LT)

Per quattro giorni il centro di Gaeta diventa la casa del jazz e dintorni. Tutti gli eventi principali si svolgono nella suggestiva Piazza D’armi del Castello Aragonese, dove si esibiranno fra gli altri Yazmin Lacey e Joe Armon-Jones.

19. Nextones

Nina Kravitz, Amnesia Scanner, Caterina Barbieri & Ruben Spini, Yuri Ancarani

26-28/7 Cava La Beola di Monte, Montecretese, Val D’Ossola

Da qualche anno Nextones riesce a portare in una provincia poco conosciuta, alcuni dei live act più spettacolari in circolazione. Nel teatro naturale della cava La Beola Di Monte quest’anno ci sarà la producer Nina Kravitz, il sound deviato e post-industriale degli Amnesia Scanner e la bravissima Caterina Barbieri.

20. Polifonic

Jeff Mills, Floating Points, Craig Richards, DJ Tennis, Jeremy Underground, Nu Guinea, Young Marco, Dr. Rubinstein, Eclair Fifi, Paramida, Eris Drew, Hunter/Game, The Analog Cops, 999999999 e molti altri

26-28/7 Monopoli (BA)

Jeff Mills e Floating Points a guidare la carovana elettronica del Polifonic. La Valle D’Itria è la culla musicale della Puglia e questo è uno degli eventi di altissima qualità che si svolge qui.

21. Locus Festival

Ms. Lauren Hill, Calcutta, FKJ, Four Tet, Ben Ufo, Josè James, Lee Fields & The Expressions, Colle Der Fomento, Colin Stetson, Beirut e altri

27/7 – 14/8 Locorotondo (BA)

Spostandoci di qualche chilometro nel bellissimo borgo di Locorotondo, va in scena il Locus Festival che offre un peso massimo come Lauren Hill e un fuori classe come Four Tet, fra gli altri.

22. Viva Festival

Erykah Badu, Apparat, Gilles Peterson, Jon Hopkins, Todd Terje, Yves Tumor, Jayda G, Pristess, Bamba Pana & Makaveli, Deena Abdelwahed, Juan Wauters, Lim, Napoli Segreta, Nicola Conte, Ninos Du Brasil, Powder e altri

1-4/8 Valle D’Itria (BA)

Come una depancance assolata del Club2Club, Viva festival porta in puglia, sempre in Valle D’Itria, il meglio dell’elettronica e dell’rnb mondiale. Occhio soprattutto a Yves Tumor e Todd Terje che regala sempre set imperdibili, oltre naturalmente alla regina Erykah Badu.

23. Fat Fat Fat

Abstract, Amp Fiddler feat. A Drummer From Detroit, Shigeto, Motor City Drum Ensemble +Mr. Scruff, Khalab, Carista, Hieroglyphic Being e altri

2-4/8 Morrovalle (MC)

Un festival un po’ diverso dal solito, con una line-up molto ricercata in una regione che non ha molti eventi di spicco in questa fascia “di mercato”. Per questo il Fat Fat Fat ha tutte le carte per diventare con il tempo un appuntamento irrinunciabile.

24. Ypsigrock Festival

The National, Spiritualized, Whitney, David August, Baloji, Fontaines D.C., Let’s Eat Granma, Giant Rooks, Pick A Piper, Whispering Songs, Dope Saint Jude, Boy Azooga, Pip Blom, Lafawndah, Ólöf Arnalds e altri

8-11/8 Castebuono (PA)

L’appuntamento siciliano per eccellenza, che quest’anno poterà sull’isola l’unico concerto italiano dei The National, oltre a Fontaines D.C., Spiritualized e molti altri.

25. Frac Festival

Theo Parrish, Lee Fields & The Expressions, Nu Guinea, Peaking Lights, Planningtonrock, 72-Hour Post Fight, Venerus e altri

9-11/7 Complesso Monumentale San Giovanni, Catanzaro

Oltre all’indiscutibile Theo Parrish, ci sarà il soul di una leggenda come Lee Fields a guidare la line-up insieme a molti altri. Il tutto sarà custodito dal Complesso Monumentale San Giovanni di Catanzaro.

26. Bay Fest

The Offspring, Ska-P, Nofx, Pennywise, Frank Turner & The Sleeping Souls, Good Riddance, Less Than Jake, The Story So Far e altri

12-14/8 Bellaria Igea Marina (RN)

Ci sono tutti e se amate il punk non potete perdervelo. In più ne potete approfittare per passare tre giorni in spiaggia, direi niente male il Bay Fest.

27. Here I Stay

Gold Panda, A Place To Bury Strangers, Giuda, Zombie Zombie, Housewives, Massimo Volume, Pow!, King Automatic, Alek Hiddel, Marietta, Otu, Dadar, Matteo Leone e altri

14/8 – 20-22/9 Fordogianus (OR), Nurri (CA)

La Sardegna non rimane a guardare. Here I Stay da 11 anni offre un festival fresco e intelligente, con particolare attenzione al territorio e agli artisti sardi. Assolutamente da non perdere gli Housewives, autori di un disco che entrerà certamente nelle classifiche di fine anno, oltre a Gold Panda, A Place To Bury Strangers e Zombie Zombie.

28. Todays Festival

Beirut, Hozier, Jarvis Cocker, Cinematic Orchestra, Nils Frahm, Spiritualised, Low, Johnny Marr, Deerhunter, Balthazar, One True Pairing, Bob Mould, Sleaford Mods e molti altri

23-25/87 Torino

Beirut, Cinematic Orchestra, Low e molti altri. Appuntamento che si è attestato come il più importante dell’estate per la qualità e calibro dei nomi coinvolti. Il Todays cresce sempre di più

29. Live Rock Festival

!!! (CHK CHK CHK), Anna Calvi, Leeroy Thornhill (Prodigy), Algiers, Nu Guinea, Rancore, Dimartino, La Rappresentante di Lista

18/8-1/9 Acquaviva (SI)

Segnalo in modo particolare una delle due date in Italia degli Algiers, una delle migliori live band in circolazione, per questo Live Rock Festival che vi offre una line-up ottima a costo zero.

30. Prato è Spettacolo

Mike Patton, Flaming Lips, Eels, Salmo e altri

29/8 – 3/9 Piazza Duomo, Prato

Già sold-out a Milano, Prato vi offre l’unica possibilità di vedere Mike Patton nella sua piazza principale. Oltre a Flaming Lips e Eels nella stessa serata. Da non perdere.


  • 230
    Shares