Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi
dal 10 al 16 settembre 2018

1. L’INSTAGRAM DEL NONNO INDIE

È bastato il primo post al Nonno indie per diventare l’idolo della generazione pre-itpop, quella che ascoltava gli Albanopower prima di Colapesce e i Drink To Me prima di Cosmo. Naturalmente è partita la caccia all’identità dell’autore dei geniali meme, ma in fondo non ha importanza: siamo tutti nonno indie.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

True stories.

Un post condiviso da Nonno Indie (@nonno_indie) in data:

2. EMINEM SI SCUSA PER IL TESTO OMOFOBICO

Nel brano Fall, contenuto nell’ultimo Kamikaze, Eminem si rivolge a Tyler, The Creator con il termine “faggot”. Ovviamente sono subito arrivate le accuse di omofobia – anche da parte di Justin Vernon, ospite nella canzone -, seguite dal silenzio del rapper, rotto finalmente con un’intervista a Sway, in cui ha detto: “credo di essere andato troppo oltre. Perché nella mia volontà di ferirlo, mi rendo conto che ho ferito tante altre persone… è una di quelle cose a cui continuo a ripensare e penso “non mi sembra giusto”.

3. FRANK OCEAN VUOLE ESSERE RIMOSSO DAL DISCO DI TRAVIS SCOTT

Nel brano Carousel del nuovo album di Travis Scott Astroworld, uscito il mese scorso e subito arrivato al numero 1 delle classifiche USA, appare alla voce Frank Ocean, il quale però, scontento e, dice, ignaro del trattamento che sarebbe stato riservato alle sue parti vocali, modificate con auto-tune e altri effetti, vuole che queste vengano rimosse dal disco, e sarebbe pronto anche a ricorrere a vie legali.

4. BEN LEE E LENA DUNHAM PSICANALIZZANO GLI OASIS

Il musicista Ben Lee ha annunciato su Twitter che si unirà a Lena Dunham per presentare il talk Champagne Superanalysis, “un’esplorazione psicologica della relazione fraterna dei Gallagher”. Il progetto è nato in seguito a un post della Dunham, che diceva: “ho visto il documentario sugli Oasis e ho un sacco di grandi opinioni sul rapporto tra i fratelli Gallagher! Sono una Noel comunque!!!”.
Il talk si svolgerà il 18 novembre e qui si possono comprare i biglietti.

5. 666 OGGETTI DI RONNIE JAMES DIO ALL’ASTA

Il 14 e 15 settembre all’Hard Rock Café di New York, 666 – numero che non sembra proprio casuale – fra chitarre, strumenti, abiti di scena e altri oggetti appartenuti a Ronnie James Dio, fra cui cover art originali, passaporto, armi medievali e attrezzature sportive, sono stati messi in vendita dalla casa d’aste Julien’s Auctions. “Dio”, dice il presidente Darren Julien, “sta in cima alle leggende rock dei nostri tempi come l’eroe metal definitivo, che con la voce, lo stile e il personaggio ha influenzato come nessun altro l’heavy metal e le icone musicali di oggi. Julien’s Auction omaggia l’eredità di Dio in questa collezione straordinaria di reperti che sicuramente sarà il non plus ultra delle aste metal dell’anno”.

E se non vi bastano queste news in pillole, qua trovate quelle musicali e qua quelle scovate dalla rete.