Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi
dal 21 al 27 maggio 2018

1. KENDRICK LAMAR E LA N-WORD

Non si può sfuggire al politically correct, nemmeno durante un concerto hip-hop. Kendrick Lamar ha fatto salire sul palco di un suo show in Alabama una fan per duettare su m.A.A.d. City, ma l’ha interrotta quando la ragazza, bianca, ha usato, forse con troppa convinzione, la parola “nigger” (negro). Dopo le scuse comunque, la fan ha potuto concludere la sua esibizione, ma “bippando” il termine incriminato.

2. LA GALLAGHER SCONOSCIUTA

Scene da soap opera nella famiglia Gallagher: Liam ha incontrato per la prima volta Molly, la figlia ventunenne avuta dalla breve relazione con Lisa Moorish, che aveva sempre ostacolato un eventuale rapporto, almeno a quanto detto dall’ex Oasis in una recente intervista in cui dichiarava di volerla conoscere e di non averla mai incontrata per volere della Moorish. L’incontro è avvenuto al London Stadium, dove lui apriva il concerto dei Rolling Stones, e c’erano anche gli altri due figli Lennon e Gene.

A post shared by Liam Gallagher (@liamgallagher) on

3. USCITA RIMANDATA PER I BROCKHAMPTON?

Qualche settimana fa Ameer Vann dei Brockhampton è stato accusato di abusi sessuali. Per questo motivo il leader del gruppo Kevin Abstract ha detto su Instagram che il nuovo album potrebbe non uscire a giugno come previsto:

probabilmente rimanderemo l’album ma voglio ancora che esca un singolo il prossimo mese. Fronteggiare problemi familiari di fronte al mondo intero è molto difficile. E mi dispiace se questo non è abbastanza. Comunque, è davvero brutto. È dura. E capisco se siete arrabbiati perché avrei dovuto dire qualcosa. Non avrei dovuto stare zitto per tanto tempo.

4. RICH THE KID DENUNCIATO PER ABUSI

A proposito di abusi: denunce anche per Rich The Kid, accusato dalla moglie di maltrattamenti. Antonette Willis, che ha chiesto il divorzio, ha fra l’altro accusato il rapper di averla costretta a praticare tre aborti. Il musicista di Atlanta si dichiara innocente e dice che mai ha picchiato né picchierebbe una donna.

5. COMMON CON STARBUCKS CONTRO I PREGIUDIZI

Ad aprile, due uomini sono stati arrestati in uno Starbucks di Philadelphia per violazione di proprietà privata dopo che alcuni dipendenti li avevano accusati di stare nel locale senza consumare. Secondo i due uomini, e l’opinione pubblica americana, il fatto è stato causato dal loro essere di colore, e per questo la catena di caffetterie ha organizzato una giornata di training contro i pregiudizi per il 29 maggio, giorno in cui molti locali in tutti gli Stati Uniti rimarranno chiusi per offrire ai dipendenti “una conversazione e un’istruzione su razza, pregiudizi e la costruzione di un’azienda più accogliente”. Al video di presentazione dell’iniziativa ha partecipato anche Common, che dice di avere come obiettivo “aiutare le persone a vedere gli altri in modo intero, completo e rispettoso”.

E se non vi bastano queste news in pillole, qua trovate quelle musicali e qua quelle scovate dalla rete.