david bowie

Sono tante le testimonianze e le dichiarazioni lette oggi; scritte da amici, colleghi o più semplicemente ammiratori (categoria che a conti fatti racchiude comunque tutte le altre) di David Bowie. Tutti hanno sentito il bisogno di condividere con il mondo la propria esperienza personale del Duca Bianco. Chi ha avuto modo di stare a contatto con lui e chi lo ha sempre visto come fonte di ispirazione per il proprio percorso artistico. Tra la marea di parole che ha riempito l’etere da questa mattina c’è un ricordo particolarmente commovente, soprattutto perché a parlare è stata una delle figure più vicine a Bowie: Brian Eno. Il produttore ex Roxy Music ha raccontato alla BBC le sue recenti corrispondenze via email con l’artista e il progetto di realizzare una nuova versione di Outside, ultima collaborazione tra i due. Qui sotto trovate la traduzione completa del testo:

La morte di David è stata una totale sorpresa, così come quasi tutte le altre cose che lo riguardavano. Sento un enorme vuoto adesso.

Ci conoscevamo da oltre 40 anni, e la nostra amicizia è sempre stata caratterizzata da echi di Pete & Dud (si riferisce al duo comico composto da Peter Cook e Dudley Moore, ndr). Durante gli ultimi anni – con lui che viveva a New York ed io a Londra – i nostri scambi avvenivano tramite email. Ci firmavamo con nomi inventati: alcuni dei suoi erano mr showbiz, milton keynes, rhoda borrocks e the duke of ear.

Più o meno un anno fa abbiamo iniziato a parlare di Outside – l’ultimo album a cui abbiamo lavorato insieme. Quel disco piaceva molto ad entrambi e pensavamo che fosse finito nel dimenticatoio. Parlavamo di rivisitarlo, portarlo verso una nuova direzione. Non vedevo l’ora di farlo.

Ho ricevuto un’email da lui sette giorni fa. Era divertente e surreale come al solito, si annodava tra giochi di parole e allusioni e le solite cose che facevamo. Finiva con questa frase: ‘Grazie per i nostri bei momenti, brian, non svaniranno mai’. Ed era firmata ‘Dawn’ (Alba).

Realizzo solo adesso che mi stava dicendo addio.