• 131
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    131
    Shares

Per celebrare il 40esimo anniversario, i R.E.M. hanno ripubblicato la versione originale del 1981 di Sitting Still

In occasione dei 40 anni dal loro debutto, i Rem hanno ripubblicato per la prima volta in versione originale Sitting Still, b-side di Radio Free Europe, in digitale e 7′, in uscita il 23 luglio’. “Mentre molti fan conoscono la versione della canzone contenuta nel primo album della band, Murmur, del 1983″, scrivono, “solo pochi fortunati hanno potuto ascoltare questa rara versione del 1981”.

Michael Stipe e soci hanno dichiarato di preferire questa alla versione presente nell’album, mentre il produttore Mitch Easter ha detto in un’intervista a NME: “La mia versione preferita sarebbe un ibrido immaginario, con il tempo della vecchia versione e le sonorità di quella di Murmur. Non sapevo cosa facevo per ottenere un suono abbastanza buono nell’originale. Sembrava figo, ma non è hi-fi come Murmur. Quella su Murmur è un po’ più morbida e vorrei che fosse più veloce, ma alcune persone la preferiscono e va bene così”. Alla domanda se abbia conservato le sue copie del singolo su Hib-Tone e del “Cassette Set” – che conteneva il singolo più White Tornado, un frammento di una versione “polka” di Sitting Still, e una versione di White Tornado con un errore di Peter Buck, con le etichette scritte a mano da Stipe –, Easter risponde: “Sì. Ho anche alcuni nastri misteriosi dei Rem. C’è un altro nastro dalla prima session con la Hib-Tone. Erano bravi a editare il proprio materiale, quindi c’erano molte canzoni di allora che non venivano mai usate. Ho una cassetta con alcune di quelle canzoni inedite. Ho una versione di 9-9 in cui puoi sentirli modificare il testo. Allora erano confusi da quella canzone, ma la versione finale di Murmur è confusa. Questa è una delle cose meravigliose di 9-9. Ho il ticchettio in studio di Murmur, che è piuttosto divertente da ascoltare. Non potrei mai buttare via quella roba”.

Per i 40 anni di carriera dei R.E.M. Rumore ha dedicato alla band la copertina del numero di gennaio 2020, mentre qui potete scoprire le canzoni preferite dalla redazione.


  • 131
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    131
    Shares