• 1.8K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1.8K
    Shares

Il razzismo negli Stati Uniti è una piaga sistemica di cui in questi giorni si sta parlando moltissimo, ma in Italia, denuncia Caterina Barbieri, non siamo messi meglio. Per questo, l’artista italiana di stanza a Berlino ha deciso di donare l’intero ricavato delle vendite del Bandcamp Day del 5 giugno alla raccolta fondi del sindacalista Aboubakar Soumahoro, che si occupa dei diritti dei migranti che lavorano nelle campagne del sud Italia, spesso in condizioni di schiavitù. Scrive così la musicista e compositrice italiana:

Le vite dei neri sono in pericolo anche qui. Oltre a supportare e trovare modi per amplificare le voci e le iniziative del movimento Black Lives Matter, vorrei affrontare l’enorme problema della segregazione e discriminazione razziale contro i migranti neri in Italia e nel Mediterraneo. Come piccolo inizio, donerò il 100% delle mie vendite del Bandcamp Day alla raccolta fondi del sindacalista Aboubakar Soumahoro per supportare i lavoratori dei campi in Italia meridionale e fornire loro cibo, cure mediche e generi di prima necessità.

“Aboubakar Soumahoro è un attivista nero che lotta per i diritti dei migranti le cui condizioni lavorative sono spesso descritte come una forma di moderna schiavitù. Uno studio condotto dal Global Slavery Index nel 2018 stima che ci siano 50000 lavoratori schiavizzati in Italia e che la maggior parte arriva dall’Africa. Il numero di imbarcazioni che raggiungono l’Italia è cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni e non molti sanno che le organizzazioni criminali guadagnano milioni assumento migranti come lavoratori perché il governo non fa quasi niente per regolarizzarli, e la segregazione delle persone nere va sempre peggio”.

Qui trovate un elenco completo degli artisti che stanno donando i ricavati del Bandcamp Day per supportare le cause antirazziste.


  • 1.8K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1.8K
    Shares