•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dieci video, una settimana, la nostra selezione.
Dal 9 ottobre al 15 ottobre 2017

di Letizia Bognanni

Exploded ViewSummer Came Early

La title-track del nuovo EP della band anglo-messicana è un inno ambientalista che non dipinge uno scenario molto tranquillizzante per il futuro del mondo. Nel video, diretto da William Markarian-Martin, il concetto è esplicitato nel contrasto di coloratissime fioriture da cartone animato e cupe e grige esplosioni atomiche.

John MausTeenage Witch

Il nuovo album di John Maus si intitola Screen Memories, e il video realizzato per accompagnare il brano Teenage Witch è proprio un filmato fatto di ricordi: si tratta di una serie di riprese del John Maus teenager, che mostra tutti i comportamenti “stregati” di un adolescente, editati da Jennifer Juniper Stratford per rendere il tutto ancora più straniante.

Lewis Del MarMalt Liquor

Immaginate di non bere un bicchiere di liquore, ma di tuffarvici dentro. È questa la sensazione data dal brano e relativo video, densi, cangianti, esplosivi in quel modo ovattato in cui ti arrivano le esplosioni sensoriali quando sei sott’acqua, o quando sei ubriaco. Piacevolmente ubriaco. Il video è diretto da Danny Miller e Saman Kesh.

Django DjangoTic Tac Toe

Una giornata tranquilla in una pacifica località di mare che diventa un trip adrenalinico iperaccelerato fra, spiega il regista John Maclean, “amore e giochi, orrore e felicità, ma in realtà parla di un uomo che ha bisogno di comprare un litro di latte per farsi una tazza di tè”. Il singolo anticipa l’uscita del nuovo album Marble Skies.

BeckColors

Primi piani di mani che giocano con slime di tutti i colori e consistenze. Il video della title-track del nuovo album di Beck è la cosa più ipnotica che vedrete questa settimana. Vi sentirete anche un po’ scemi, eppure da questo a passare la giornata a guardare tutorial per slime fatti in casa sarà un attimo.

Tory LanezShooters

“Non credo che la violenza sia la risposta. Ma, in tempi di costrizione come questi, chredo che come comunità abbiamo la responsabilità di condividere le nostre paure e preoccupazioni in modo da imparare a sostenerci meglio a vicenda. Spero che questo video vi faccia provare qualcosa – qualsiasi cosa” – Tory Lanez.

MakenessLoud Patterns

Chi ha bisogno della droga quando esistono video (e canzoni) come questo? L’elettropsichedelia introversa e distorta di Kyle Molleson AKA Makeness, e un’immersione in un indefinito paesaggio creato dall’animazione di Samuel J. Travis, che sembra tanto alieno quanto organico. L’insieme assorbe tutta l’attenzione, come una sostanza psicotropa.

PorchesCountry

“I felt soft and dumb like a country song”. È l’ultimo evrso di una poesia di Aaron Maine che spiega la canzone. Che non è “dumb”, ma soft molto. Così come il video, diretto dallo stesso Porches insieme a Nicholas Harwood, una gioia per gli occhi di chi ama la poesia quieta e desolata della campagna americana. Con un finale un po’ spiazzante.

DIECIAli

DIECI è Roberto Grosso Sategna dei Drink To Me, Ali è il secondo singolo – a cui non seguirà, per ora, un album ma altri singoli random -, è costruito su un campionamento di Napoli Centrale, e nel video di Umberto Diecinove, ironicamente motivational “Rob gioca a fare lo sportivo e il rapper (ma nessuna delle due cose rappresenta il suo)”.

Sharon Jones & the Dap-KingsMatter of Time

Prima della morte avvenuta un anno fa, Sharon Jones aveva registrato un ultimo album insieme ai suoi Dap-Kings. Soul Of A Woman esce ora, accompagnato dal singolo Matter Of Time e dal relativo video che è un montaggio di riprese on the road, sui palchi, nei camerini, un omaggio e una celebrazione della carriera della Jones.

Non ti bastano questi video? Ecco qui tutti gli altri (Bushi, Ambulance, Okland, Flavio Giurato, Billy Bragg, Marilyn Manson, Lessness, Julien Baker, Null+Void)


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •