•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

All Things Go è il brano scelto dai Mighty Oaks per annunciare l’uscita di un nuovo album, prevista per il 2020 via BMG. Il singolo è descritto come una riflessione sull’amore ma anche sulla brevità della vita, sulla perdita, gli addii e l’accettazione, attraverso il racconto della storia del padre e della madre morta prematuramente di Ian Hooper, che spiega: “Mio padre era uno squattrinato studente americano a Monaco nei primi anni 80 e venne invitato a una cena da una sconosciuta incontrata per strada. Incuriosito se fosse un appuntamento o no, e non volendo rinunciare a un pasto gratis, accettò. Salì in ascensore con un’altra ospite della festa, che divenne mia madre. La morte è un tema ricorrente nella nostra musica. Questa canzone parla di accettarlo. A volte arriva prima di quanto ci piacerebbe. Non è ingiusto, è la vita. Per accettarlo ci vuole tempo, ma sono arrivato al punto in cui posso accettarelo come parte dell’essere qui”.

La band sarà in Italia il prossimo 4 novembre, come special guest del concerto dei Lumineers all’Alcatraz di Milano.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •