I My Bloody Valentine hanno confermato ufficialmente l’uscita delle riedizioni in analogico degli album Isn’t Anything (1988) e Loveless (1991). I dischi, in vinile 180 gr e “puramente in analogico, senza possibilità di download”, usciranno il 18 gennaio.
In un’intervista di qualche anno fa, Kevin Shields aveva detto in proposito:

Gli album – i vinili – non sono mai stati masterizzati in analogico. L’ho saputo solo di recente, ma un gran numero di album dopo il 1979 è stato digitalizzato prima di venire stampato in vinile, anche se era stato registrato su nastro analogico. Quindi anche se tutti i dischi che abbiamo fatto sono stati registrati in analogico, hanno subito un processo di digitalizzazione. Quando stavo rimasterizzando nel 2006, quello di Loveless veniva da un master 24 bit, ma Isn’t Anything veniva dal nastro analogico. Mentre tagliavo ho avuto un’esperienza notevole ascoltando Isn’t Anything dall’inizio alla fine senza interruzioni. Sono stato inondato da un sacco di ricordi dei tempi delle registrazioni. Una parte del mio cervello, in mancanza di una parola migliore, che ha fatto quel disco, si era disconnessa dal momento in cui è stato masterizzato e pubblicato. Ma ascoltare l’analogico, è stato come annusare qualcosa che non sentivi da quando eri bambino, ha riportato indietro ricordi e sentimenti. È stato come essere su una macchina del tempo. Il mio cervello aveva immagazzinato questi ricordi in un posto a cui si accedeva solo con quelle registrazioni analogiche. Così ho realizzato che c’è davvero una profonda differenza tra analogico e digitale. Quindi sono determinato a far provare questa esperienza anche ad altri.