Slicing-Up-Eyeballs

Slicing Up Eyeballs, interessante sito dedicato alla “legacy del college rock degli ’80s” fondato nel 2009 e tenuto dal blogger Matt Sebastian, ha deciso di chiudere baracca. Lo ha annunciato lui stesso con un lungo post in cui spiega le motivazioni della chiusura e racconta i sei anni di vita del progetto. Si intitola, tanto per chiudere il cerchio, It’s the End of the World As We Know It (And I Feel Fine).

Il 20 febbraio 2009 Slicing Up Eyeballs venne lanciato sul web non con un botto ma con un mugolio, debuttando con una semplice dichiarazione da 91 parole e un titolo preso da una canzone dei R.E.M. che Google Analytics ora mi dice non venne vista neanche da una persona quel giorno (il che sembra un po’ strano, che io sono abbastanza sicuro di averla guardata almeno una volta). […] Nei seguenti sei anni, questo sito è diventato più di quello che mi sarei mai aspettato, […] e ha attratto un pubblico che fatico ancora a concepire.
Questo è il nostro quattromilacinquecentottantasettesimo post. Ed è anche l’ultimo. Ho passato mesi a pensare a questa decisione; infatti, questo post è stato creato il 9 novembre dello scorso anno. L’ho modificato un po’ di volte ma ho continuato a convincermi a non staccare la spina, principalmente a dicembre, quando ho deciso di raddoppiare il mio impegno ad aggiornare il blog.

Ma stavo solo rimandando l’inevitabile. Nell’ultimo anno, ho sia trovato sempre meno tempo da dedicare al blog […] e mi sono trovato sempre meno motivato. Mantenere un sito di notizie musicali, anche piccolo come questo, significa dedicare una quantità di tempo indeterminata alla ruota per i criceti che è internet, o dando da mangiare alla bestia con nuove notizie che spesso saranno copiate e incollate o, al meglio, rigurgitate da altri siti (con un link alla news originale, se si è fortunati), o buttando fuori la stessa news su un album, tour o reunion che molti altri siti già hanno o avranno.

C’è certamente spazio per originalità e creatività, ed è stato davvero piacevole scrivere di band meno conosciute come Game Theory, Eleventh Dream Day, Orange Juice o Redd Kross. Ma era anche chiaro che la gente era più interessata a – o, meglio, molte più persone erano interessate – a leggere di Smiths, New Order, The Cure, Siouxsie and the Banshees, Depeche Mode, e simili.

Non che nulla di questo sia particolarmente buono o cattivo; è semplicemente come queste cose funzionano. E dopo più di sei anni è ora di scendere dalla suddetta ruota da criceto.

Sebastian procede poi a ringraziare i lettori, afferma che manterrà in vita gli account social di Slicing Up Eyeballs e conclude dicendo che, dato che nessuna reunion è ormai fuori dai giochi, non si sente di precludere niente per il futuro del sito, aggiungendo che se gli Smiths tornassero assieme si sentirebbe sicuramente obbligato a ricominciare.

Potete leggere l’intero post di Sebastian qua. Qua sotto potete ascoltare la canzone da lui citata nel primo post del suo sito, Welcome to the Occupation.