•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Vicky Cornell ha accusato gli altri membri dei Soundgarden di voler acquistare le quote di Chris a una cifra “ridicolmente bassa”

I rapporti fra la vedova di Chris Cornell, Vicky, e i Soundgarden superstiti, non sono mai stati esattamente idilliaci – come racconta dettagliatamente Daniela Liucci nel servizio di copertina del numero di Rumore di febbraio. La nuova causa intentata dalla donna ai membri superstiti della band riguarda un’offerta che questi avrebbero ricevuto da un investitore che vorrebbe acquistare il catalogo del gruppo per 16 milioni di dollari. La vedova Cornell sostiene che Kim Thayil, Matt Cameron e Hunter Benedict Shepherd si sono offerti di acquistare la sua parte per meno di 300000 dollari, “una cifra ridicolmente bassa”, e chiede una valutazione professionale. Nella denuncia, Vicky Cornell aggiunge che i membri della band hanno rifiutato la sua offerta di 21 milioni per le loro quote, e hanno anche rifiutato un’offerta separata di $ 16 milioni per i diritti sui diritti di musica registrata del gruppo.

“Questa azione è stata resa necessaria dalle azioni egoistiche e spietate dei restanti membri della band Soundgarden”, scrivono i rappresentanti di Cornell, “che stanno cercando di derubare il loro ex compagno di band, Chris Cornell, sua moglie e i loro figli minori, il valore dell’eredità e della vita di Chris, che ha fruttato loro milioni di dollari. I membri della band hanno consapevolmente offerto solo una frazione infinitesimale del vero valore della partecipazione di Chris per i Soundgarden e alcune entità correlate facendo un’offerta ridicolmente bassa. E lo sanno. Questo caso riguarda, e richiede una valutazione giudiziaria, l’interesse di Chris per i Soundgarden (la band di proprietà della partnership con lo stesso nome) e alcune entità correlate, tra cui SG Recordings, SMF, SG Productions e LLM (collettivamente, le entità correlate ai Soundgarden)”.



“Come richiesto dal patrimonio di Chris Cornell, e come richiesto dalle leggi dello Stato di Washington”, recita la difesa dei Soundgarden, “i membri sopravvissuti hanno presentato alla Cornell Estate quattro mesi fa un’offerta di riscatto dei suoi interessi, calcolati dall’esperto Gary Cohen. Da allora, i membri della band hanno continuato a cercare di risolvere tutte le controversie con la Cornell Estate e nei loro diversi tentativi hanno offerto più volte l’importo calcolato da Cohen. Questa disputa non ha mai riguardato i soldi, per la band. Questo è il lavoro della loro vita e la loro eredità”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •