Girl Band hanno annunciato il nuovo album The Talkies, in uscita il 27 settembre su Rough Trade. Il disco, prodotto da Daniel Fox e registrato al Ballintubbert House, un palazzo signorile nei dintorni di Dublino “un po’ al di sopra di quello a cui siamo abituati”, è il seguito del debutto Holding Hands With Jamie, pubblicato quattro anni fa. “In un certo senso”, spiega Alan Duggan, “l’idea dietro all’album era quella di creare una rappresentazione visiva della casa. Abbiamo registrato la batteria due volte: una volta sul pianerottolo e una volta in cantina e durante la fase di produzione abbiamo potuto tagliare a metà quei sound”. Fox, presente sia come musicista che come produttore, aggiunge: “Dopo aver cancellato l’ultimo tour, non stavamo più scrivendo i pezzi insieme, era più uno scrivere parti per poi tagliarle e incollarle insieme attraverso il computer, riconfigurandole in questo modo.”
 

Il primo singolo è Shoulderblades, che arriva accompagnato da un video diretto dal collaboratore di lunga data Bob Gallagher, che dice: “Penso che sia una vera testimonianza dello spirito creativo della band. Mi hanno incoraggiato ad uscire dalla mia comfort zone e a creare qualcosa senza scenografia, costumi o una narrativa convenzionale, cercando di comunicare la mia idea attraverso la danza e il movimento. In Oona abbiamo trovato un’ incredibile co-cospiratrice, non riesco ad immaginare altri ballerini capaci di portare quella combinazione di bellezza e violenza presenti nel video. L’idea è venuta dai riferimenti di Dara al personaggio di Ed Mordake, un uomo con due facce, quindi la dualità è stato un tema ricorrente. È stato interessante vedere come la danza permetta ad un’idea di vivere nell’astratto, così da rimanere aperta. Può significare ciò che significa alla band, e anche ciò che significa per Oona e per me. Le persone che lo guardano possono trovare qualcosa con cui identificarsi, pur essendo strano”. Potete vederlo qui sotto: