Il Medimex si adatta all’emergenza e diventa digitale, con Medimex D, la music conference internazionale in programma dal 3 al 21 giugno. In programma workshop, approfondimenti professionali, webinar con numerosi ospiti tra i quali Tommaso Paradiso, Ghemon, Francesco Sarcina, Riccardo Zanotti, Andrea Rosi, Claudio Ferrante, Clemente Zard,
Chiara Santoro, Massimo Bonelli, Giovanni Canitano, Marc Urselli, Claudio Simonetti, Martin Goldschmidt, Raffaele Casarano e Roberto Ottaviano. Qui sotto potete vedere il programma dettagliato:

1. Programma 3-5 giugno

2. Programma 8-10 giugno

3. Programma webinar 15-18 giugno

La manifestazione si inserisce in un programma di interventi per il comparto musicale regionale a cura di Puglia Sounds, che lancia Puglia Sounds Plus, e dell’iniziativa Custodiamo la Cultura con il Teatro Pubblico Pugliese. “In queste settimane siamo impegnati a fronteggiare la grave crisi che ha colpito il mondo della cultura e affiancare la Regione Puglia nell’azione a sostegno dei lavoratori e alle imprese del settore artistico e culturale regionale”, dichiara il Presidente del Teatro Pubblico Pugliese Giuseppe D’Urso, “Con Puglia Sounds Plus diamo una prima risposta alla filiera musicale: da una parte lavoriamo a bandi che possano sostenere le attività e immettere nuove risorse economiche e dall’altra, con Medimex D, creiamo un piattaforma di confronto, dialogo e formazione con l’auspicio di rivederci presto nei luoghi giusti per lo spettacolo dal vivo”.

“Puglia Sounds Plus”, spiega il coordinatore artistico di Puglia Sounds/Medimex Cesare Veronico, “è nato a marzo scorso quando abbiamo capito che non si sarebbe tenuto il Medimex, è a quel punto è nata l’idea del Medimex D, un tavolo di confronto sui temi internazionali più importanti: dallo streaming al futuro dell’industria musicale, dalla comunicazione ai tempi del covid ai social accanto alle scuole dei mestieri della musica con il musicarium advanced per i professionisti, insomma un contenitore che fa del Medimex D la prima conferenza internazionale sulla musica interamente digitale. Una cosa alla quale teniamo molto è il confronto con gli operatori sul progetto Puglia Sounds Plus – in programma tra gli appuntamenti di Medimex D – in cui presenteremo i bandi che hanno avuto consenso nel tempo ma anche idee innovative sulle quali vogliamo confrontarci con il tessuto musicale pugliese. Il progetto non è chiuso da un punto di vista economico, ci sono ancora economie disponibili laddove dovessero venire fuori idee da parte degli operatori, solo a quel punto riterremo definitivo l’intervento Puglia Sounds Plus”.