Dopo aver militato in vari gruppi (​Flying Vaginas,Shout​, Poptones ed Esercizi base per le cinque dita), Ettore Pistolesi​ esordisce come solista sotto il moniker ​Wellworn Banana con l’album ​Anytime​, in uscita il ​2 aprile​ per ​MiaCameretta Records​ e ​Lady Sometimes​. Nove tracce – registrate con vecchi e nuovi amici: Strueia (Shout), Andrea Sperduti (Blonder), Simone Alteri (Shout, Esercizi base per le cinque dita), Filippo Strang (Flying Vaginas) e Giuseppe Mazzoni (Human Colonies) – che scivolano via veloci, e in cui ​Wellworn Banana snocciola tutta la sua ammirazione per il calcio (“​se i Mogwai lo hanno fatto per Zidane, io lo faccio per Rui Costa”), il suo amore per le ballate noise-folk à la Phil Elverum (​P.), per le cavalcate fuzzy (​Song One, ​Grandmother, Blast Off ​), la malinconia sussurrata (​Slow Time) che contrasta il noise pop spensierato (​W. B. Instrumental Song) e gli episodi finali più oscuri e agrodolci. Un’atmosfera senza tempo rappresentata fin dalla copertina ad opera di Irene Scarchilli: “​Una mediazione”, racconta Ettore, “​che ho trovato tra l’estetica e i colori del primo album di John Frusciante Niandra, la posa e la fermezza delle copertine dei Grandaddy, e poi infine volevo che la figura risultasse un po’ Giappone ‘600. Non so se ci sono riuscito, ma il rimando samurai direi che ci azzecca”.

Il primo singolo estratto è P., di cui qui sotto potete vedere in anteprima il video, realizzato da Bubi Visual Arts: