• 6
    Shares

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi
dal 3 al 9 dicembre 2018

1. 6 MORTI AL CONCERTO DI SFERA EBBASTA

Speriamo che non aumenti il numerodelle vittime dell’assurda tragedia di Corinaldo, in provincia di Ancona, dove prima di un concerto di Sfera Ebbasta qualcuno avrebbe spruzzato dello spray urticante, scatenando il panico che ha portato alla fuga incontrollata dal locale e al cedimento di una balaustra. Sei persone sono morte (cinque ragazzi fra i 14 e i 16 anni e una madre) e oltre 100 ferite. Si è saputo poi che erano stati venduti 1400 biglietti per un locale con capienza di circa 800 persone. Il rapper ha cancellato gli impegni promozionali dei prossimi giorni.

2.  IL CONCERTO DI BENEFICENZA DI FATHER JOHN MISTY

Qualche settimana la California è stata devastata da una serie di disastrosi incendi. Fra gli artisti che si sono mobilitati c’è anche Father John Misty, che ha organizzato per il 18 dicembre un concerto, i cui ricavati andranno interamente al The Southern California Disaster Relief Fund, Che vedrà fra gli ospiti Haim, Mac DeMarco, Rivers Cuomo, Rostam, Tim Heidecker, Weyes Blood, Jeff Bhasker, Jonathan Wilson, Lucius.

3. GENE SIMMONS DENUNCIATO PER MOLESTIE SESSUALI

AMERICA’S GOT TALENT — “Live Finale Results” Episode 1322 — Pictured: — (Photo by: Trae Patton/NBC)

Il bassista dei Kiss è stato di nuovo– era già successo un anno fa, e prima ancora nel 2010 -denunciatoper molestie, stavolta da una ex dipendente del suo ristorante Rock &Brews. La donna ha raccontato che, mentre lavorava come lavapiattinel locale, Simmons si sarebbe avvicinato e “con la forza le hamesso la mano sulla vagina”. La donna ha raccontato anche di averassistito ad comportamenti del genere verso altre dipendenti.

4. BRIAN MAY VS SACHA BARON COHEN

Tutti parlano, nel bene e nel male, di Bohemian Rhapsody, il film sui Queen nelle sale da qualche giorno. Anche Brian May è tornato sull’argomento durante un’intervista, riferendosi in particolare al cambio di attore dell’ultimo momento per il ruolo di Freddie Mercury: “Sarebbe stato un disastro”, ha detto riferendosi a Sacha Baron Cohen, inizialmente scelto per intepretare il cantante, poisostituito da Rami Malek, “penso che ci siamo resi conto appena intempo del disastro che stava per succedere. E non ci voleva uno scienziato per capirlo. Credo che fossimo tutti nervosi all’inizio, mentre era in corso la scelta del cast. Perché sì, è una cosa dura da immaginare – qualcuno che fa la tua parte”.

5. SUNNY DAY REAL ESTATE VS DAVE GROHL

William Goldsmith, batterista dei Sunny Day Real Estate ed ex Foo Fighters, ha dato la colpa a Dave Grohl perla mancata uscita di quello che, secondo un post su facebook poieliminato, sarebbe stato il capolavoro dei SDRA. “Recentemente”, ha scritto, “da orecchie oggettive mi è stato ricordato il fatto che il più grande disco mai fatto dai Sunny Day Real Estate è rimasto silenzioso, abbandonato e seppellito nelle più oscureprofondità del cassetto dei calzini di dave Grohl. È uno scioccante schiaffo di realtà e un calcio nelle palle. Diventa sempre più difficile da gestire. In qualche modo qualche giorno – qualcosa doveva essere fatta. La tragedia si manifesta letteralmente in dolore fisico. Sinceramente è come se qualcuno avesse preso una parte di me e l’avesse chiusa in un cassetto. Mia moglie mi ha guardato quella sera e mi ha detto “comincio a capire quello che ti ha perseguitato per 6 anni perché inizia a perseguitare anche me”. Non è la prima volta che mi è stata tolta la voce. Ma adesso questa musica non mi è stata portata via – adesso è stata portata via ai miei figli. Imperdonabile”. Goldsmith non ha spiegato in che modo Grohl avrebbe impedito l’uscita del disco, e qualche ora dopo è intervenuto l’ex bassista dei SDRA, ora nei Foo Fighters, a dire che “non c’è niente di vero in questa storia”. Il batterista ha però ribattuto di nuovo: “a chiunque dichiari che non ci sono dischi non finiti dei Sunny Day a prendere polvere sarei d’accordo di non essere d’accordo”.


  • 6
    Shares