Avi Buffalo

Dopo aver pubblicato due album, Avi Buffalo (2010) e At Best Cuckold (2014), gli Avi Buffalo di Avigdor Zahner-Isenberg si sono sciolti. È stato Zahner-Isenberg a comunicarlo con un lungo messaggio su Facebook: “È tutto iniziato quando ero un marmocchio di quindici anni ed è andato avanti MOLTO più di quanto pensavo sarebbe stato possibile. In effetti, il progetto Avi Buffalo è arrivato troppo avanti, e non penso che fosse stato creato nemmeno per la piccola esposizione su scala “professionale” che ha ottenuto, e alla fine ha causato dolore e ha prosciugato la mia energia creativa”.

Il motivo principale per lo scioglimento è stata la vita da tour: “Andare in tour fa schifo, e non ne vale la pena, anche se essere riuscito a suonare per persone che vivono lontane da me e hanno ascoltato la mia musica mi rende felicissimo mi distoglie completamente da quello che ho sempre voluto fare nella mia carriera da musicista fin da quando avevo 12 anni, cioè suonare sempre con un sacco di persone diverse invece di concentrarmi su un solo gruppo, lavorare e scrivere in uno studio assieme ad altre persone e sperimentare cose come relazioni romantiche e vivere in un luogo solo come Los Angeles o New York o qualche altra parte in cui sono concentrati molto splendidi artisti con cui lavorare e da cui imparare ogni giorno”.

Zahner-Isenberg dice di avere qualche progetto in cantiere, tra cui l’album di debutto dei Litronix, e di stare inoltre lavorando come produttore. Potete ascoltare qua sotto What’s in It For?, probabilmente il loro pezzo più conosciuto, e Think It’s Gonna Happen Again (da At Best Cuckold).