lee ranaldo

Stasera Lee Ranaldo (Sonic Youth) suonerà con i the Dust un concerto sponsorizzato da Red Bull ad Atlanta, insieme a tre gruppi del posto: i Lyonnais, i Faun and a Pan Flute, e i Deadcat. Per quest’occasione, Ranaldo ha scritto per Red Bull la classifica dei suoi cinque chitarristi preferiti di sempre.

Trovate la lista qui sotto, accompagnata da due righe per ogni scelta.

1. Glenn Branca
“Quando lo incontrai per la prima volta, suonava in band no-wave come the Theoretical Girls. Quando iniziammo a suonare insieme, negli anni ’80, usava più chitarre e le accordava insieme in modo da creare un coro.Era la prima volta, a quei tempi.”

2. Tom Verlaine
“Sono cresciuto suonando la chitarra ma a un certo punto, circa negli anni ’70, la musica ha iniziato a diventare pesante e pallosa. Ma il primo disco dei Television mi mise k.o. Mi ha ri-dato la voglia di suonare e stare in una band. Secondo me Verlain ha messo insieme così tanti stili diversi… A volte sembrava stesse tentando di suonare un assolo di sax, ma ala chitarra. “

3. Joni Mitchell
“Lo stile di Joni ha avuto una grande influenza su di me. Era anticonformista e unico. Quando la senti suonare, la riconosci immediatamente. Non dà spettacolo, ma gli altri chitarristi la ammirano.”

 

4. Django Reinhardt
“Non mi ci sarei mai potuto avvicinare, personalmente, ma la sua musica è stata molto importante per me. Anche solo per il fatto che mi ha mostrato cosa si può fare con una chitarra. Quando ascolto la musica, per me è sempre un avvenimento magico.”

 

5. Carrie Brownstein
“C’è qualcosa in lei di veramente fresco, e ha un’energia incredibile quando la vedi sul palco. È una di quelle musiciste che sa sia seguire, che condurre, cosa che provo anche io a fare.”