Banner Rumore OK
Home Notizie Ascolta Ascolta in anteprima Break Free dei Behind Bars Collective

Ascolta in anteprima Break Free dei Behind Bars Collective

0
107
Behind Bars Collective Album
Behind Bars Collective (foto 2) (1)

Behind Bars Collective è la band/collettivo che pubblica il nuovo album break free in cui il percorso artistico si integra quindi con impegno politico e sociale legato alle carceri

Break Free (Prison Songs to Break Free from the Cage) è l’album d’esordio dei Behind Bars Collective, super band pugliese composta da Livia Monteleone, Bob Cillo e JJ Springfield, musicisti di grande esperienza attivi da diversi anni nel sottobosco musicale italiano e internazionale con progetti interessantissimi come Dirty Trainload, Santamuerte, Bob Cillo & Mafia Trunk e Couchgagzzz.

Behind Bars Collective è una concept band con il chiaro obiettivo di rompere il muro di
indifferenza e di isolamento che la società costruisce attorno alle carceri, sensibilizzando e
suscitando interesse su questo tema. Lo fa utilizzando la forma d’arte a sé più congeniale, la musica, in questo caso un un rock blues ipnotico e ad altissimo tasso di groove, per portare solidarietà ed esprimere dissenso. L’aspetto artistico si integra quindi con impegno politico e sociale, umanità ed emotività.

L’album d’esordio dei Behind Bars Collective esce ufficialmente il 12 aprile per Ciqala Records e Side 4 Music. Il lavoro contiene un documentario per la regia dello stesso Bob Cillo, voce e chitarra della
band. La veste grafica è impreziosita da una serie di tavole donate dal fumettista romano Zerocalcare.

Behind Bars Collective Break Free Album 1


Il disco è strutturato su 12 brani di cui 8 originali e 4 cover. Bob Cillo e Livia Monteleone hanno
scavato nel proprio immaginario musicale alla ricerca di canzoni con un denominatore comune:brani che portassero a testimonianza storie di carcere o di prigionia. Con la maturazione del progetto, le cover hanno lasciato gradatamente il posto ai brani autografi, tra cui il primo singolo nonché title track Break Free. Un vero e proprio inno alla libertà che si apre e si conclude con le vere voci dei detenuti e i rumori delle sbarre, registrati dai Behind Bars all’interno del carcere di Trani, durante un workshop condotto dalla band. Le 4 cover presenti nel disco sono il blues “My Home is a Prison” di Slim Harpo (unico brano dell’album cantato da Bob), “Fish in the Jailhouse” di Tom Waits, “Ward 81” dei Fuzztones (che parla della condizione di prigionia di molti malati psichiatrici) e “The Mercy Seat” di Nick Cave, un
grido contro la pena di morte.

Tutti gli altri brani sono stati composti dai tre membri della band. Naturalmente i testi occupano un posto centrale; da qui l’idea di realizzare l’album sotto forma di booklet. Il booklet si avvale di un preziosissimo contributo: una storia a fumetti di Zerocalcare. Le tavole provengono dal volume Lontano dagli Occhi, Lontano dal Cuore, pubblicato e distribuito da La Lima, Cassa di Solidarietà Contro il Carcere e la Repressione. In perfetta sintonia con il tema trattato, il fumetto racconta della situazione emergenziale nelle carceri italiane prendendo spunto dalla rivolta nel carcere di Rebibbia durante il periodo della pandemia di Covid 19. Nel progetto legato al disco, i Behind Bars Collective hanno portato la loro musica all’interno del carcere di Trani, tenendo un laboratorio con i detenuti condannati per via definitiva. I detenuti stessi sono stati invitati a diventare protagonisti e a liberare la propria espressione creativa. Questa esperienza è raccontata dal documentario Rock Oltre Le Sbarre. Il filmato porta a testimonianza i suoni e le immagini di un workshop condotto con empatia e passione. Nel booklet è presente anche il link riservato per vedere il documentario in streaming.
Tanta carne al fuoco per un progetto da tenere assolutamente d’occhio.

Qua sotto potete ascoltare l’album in anteprima, Break Free:

Bob Cillo · BEHIND BARS COLLECTIVE – BREAK FREE, Prison Songs to Break Free from the Cage