La copertina del disco di Johnny Mox, Spiritual Void

Personaggi come Johnny Mox ne nascono pochi ogni tantissimi anni. Lui fa un po’ quello che vuole e lo fa sempre bene. Tempo fa vi avevamo parlato del progetto Stregoni: una nuova collaborazione nata tra Johnny Mox e Above the Tree, assieme al Centro per l’immigrazione della Provincia Autonoma di Trento: un “laboratorio musicale dal vivo”. Ora Johnny Mox è tornato, così, senza che ce lo aspettassimo. Ha pubblicato un nuovo disco per To Lose La Track e Sonatine Produzioni. Per ora lo trovate solo su YouTube ma

Questo è il mio disco nuovo: dura 16 minuti, è composto da un’unica traccia: no chitarre no batterie, no beatbox: solo cori e armonizzazioni vocali. E’ stato scritto e registrato nel corso di un intero inverno: un’unica suite pensata e composta esclusivamente con la voce, concepita interamente in spazi aperti, prevalentemente nei boschi attorno a casa mia mediante una app del telefono che consente di registrare i loop. Dentro ci sono strati e strati di voci e melodie sostenute dai bordoni del basso. Mai come questa volta la musica è una sfida: Il testo invece è molto semplice. Solo una parola, quella che nessuno ha mai il coraggio di pronunciare: “Help”

Per ora lo trovate solo su YouTube ma a breve arriverà su tutte le piattaforme streaming. Intanto potete scaricarlo in free download qui e ascoltarlo qua sotto: