featured ian

Il civico 77 di Barton Street a Macclesfield è in vendita per la modica cifra di 115.000 sterline. Tutto normale, se non stessimo parlando della casa di Ian Curtis, storico frontman dei Joy Division. L’appartamento è stato lo scenario del suicidio del cantante britannico nel 1980 ed è stato anche il vero e proprio scenario del film biografico Control. Ciò che negli ultimi giorni sta preoccupando i fan della band post-punk è che questo luogo di culto possa passare nelle mani di qualche agenzia immobiliare; così un fedelissimo sostenitore di nome Zak Davies ha deciso di lanciare una campagna sul sito di crowdfunding Indiegogo per acquistare l’immobile e renderlo un museo. L’obiettivo è raggiungere 150.000 sterline entro il 30 marzo, ma per il momento le donazioni sono ferme a 1.679 sterline.

Nella giornata di ieri Bernard Sumner, ex chitarrista dei Joy Division e leader dei New Order, ha parlato ai microfoni di NME per esprimere i suoi sentimenti contrastanti riguardo all’iniziativa:

“Non credo che Deborah e Natalie (rispettivamente moglie e figlia di Ian Curtis) siano molto entusiaste dell’idea. Ovviamente sono le persone toccate più da vicino dalla faccenda, quindi innanzitutto dobbiamo rispettare i loro desideri. Una parte di me mi dice ‘è un monumento a Ian e sarebbe un ottimo museo’, ma l’altra parte di me mi dice ‘è un po’ macabro e in un certo senso è anche un monumento al suicidio’; quindi sono davvero diviso a metà sulla questione. Guardandola dall’interno, non sta a me giudicare cosa sia giusto o sbagliato, perché mi riguarda troppo da vicino. È un luogo di tristezza, non è veramente un posto dove vorrei andare.”

I rapporti tra Sumner e l’altro ex membro di Joy Division e New Order, il bassista Peter Hook, si sono deteriorati negli ultimi anni e la controversia per l’account twitter dei Joy Division ha ulteriormente aggravato la situazione. Ne parliamo in questo articolo. È inoltre previsto per l’autunno 2015 il ritorno dei New Order con un nuovo album.

Qui sotto una performance live del 1979 di She’s Lost Control.