Gathered è l’album di Howe Gelb in uscita per Fire Records il prossimo 8 marzo. Del nuovo lavoro e degli artisti che hanno collaborato, il prolifico musicista di Tucson dice:

Questo è quello che ho raccolto;
un gustoso momento a Cordova, in Spagna nella grande ospitalità di Fernando Vacas dove gli zingari hanno incontrato i loro fratelli di Tucson e il vecchio Matt Ward ha offerto in sacrificio la sua resa di una gemma di Leonard Cohen. Poi c’è stato un sogno a Parigi con la meravigliosa Anna Karina che impreziosisce la rigogliosa produzione della versione di David Aron-Brunetiére di Not The End Of The World.
C’è stata anche una lunga sosta a Dublino dove i Lost Brothers hanno dentilmente offerto del tempo in studio per far provare a questo stanco viaggiatore a stare sveglio con strimpellate e chiacchierate. Il brillante produttore olandese JB Meijers ha offerto un’elegante costruzione di arrangiamenti finemente scritti ispirandosi all’incantevole Karina un pomeriggio fori Amsterdam. Un’altra volta, Frank Birch Pontippidan ci ha permesso di trattenerci a Copenhagen con diverse canzoni che gareggiavano per esistere. Poi è arrivato il tesoro appassionato di Danimarca Kira Skov ad aggiungere il suo tocco morbido a uno schizzo sonoro completato a Tucson. Un altro giorno a Tucson ha generato il delizioso trillo della quindicenne Talula nel classico Moon River. E alla fine, la grazia angelica di Pieta Brown, che ha insistito perché tanti di questi testi assortiti diventassero vere canzoni, , ha accarezzato la wedding song scritta per il figlio di Rainer.
Non importa la pendenza della strada percorsa o l’incespicamento del nuovo terreno, sono questi momenti raccolti di questi raccolti qui che raccolgono un brano o due per dissipare le malattie associate al dolore amplificato e ogni bagaglio trascinato per voi lungo questi cammini felici.

Qui sotto potete sentire il singolo A Thousand Kisses Deep, con M. Ward: