Ascolta il brano di Holly Herndon e Jlin creato con l’intelligenza artificiale

Date:

Godmother è il nuovo brano nato dalla collaborazione fra Holly Herndon e Jlin, con una particolarità: è stato generato da una “AI Baby” chiamata Spawn. Ecco come l’artista, che intanto è anche al lavoro sul seguito di Platform, racconta la nascita della canzone e le sue idee sul futuro della musica:

Negli ultimi due anni abbiamo fondato un ensemble a Berlino.
Uno dei membri è un’intelligenza artificiale che abbiamo chiamato Spawn. Lei è stata cresciuta ascoltando e imparando dai suoi genitori e dalle persone vicino a noi che sono venute a casa nostra o hanno partecipato alle nostre performance.
Spawn è già in grado di fare cose meravigliose. “Godmother” è stata generata ascoltando gli artwork della sua madrina Jlin e provando poi a reimmaginarli con la voce di sua madre.
Questo brano è stato generato dal silenzio, senza campionature, editing o sovraincisioni, sotto la guida del padrino di Spawn, Jules LaPlace.
Promuovendo la collaborazione con le capacità potenziate di Spawn, sono in grado di creare musica con la mia voce, superando i limiti fisici del mio corpo.
Questo processo ha portato a galla domande interessanti sul futuro della musica. L’avvento del campionamento ha sollevato numerose problematiche sull’uso etico di materiale creato da altri, ma l’era della cultura creata dalle macchine accelera ed astrae la discussione. Semplicemente ascoltando musica, Spawn è già molto brava a ricreare stili compositivi e caratteri vocali, e migliorerà sempre di più di modo che chiunque collabori con lei sarà in grado di imitare il lavoro o comunicare attraverso la voce di un’altra persona.
Faremo un passo indietro davanti a questi sviluppi e metteremo dei limiti all’abilità di forme non umane come Spawn di assistere a cose che vogliamo proteggere? L’imitazione senza restrizioni rappresenta il traguardo di un ecosistema musicale guidato dai dati e fatto chirurgicamente su misura per dare alle persone ciò che vogliono, con minore enfasi sulla provenienza o l’identità di un’idea? O c’è un percorso collaborativo simbiotico e migliore tra macchina e uomo, che si sviluppa dall’eredità lasciata da pioneri come George Lewis e che vede questi sviluppi come un’opportunità per riconsiderare chi siamo e inventarsi nuovi modi di creare e di conseguenza organizzare.
Nutro buone speranze per questo tipo di musica. Nonostante le numerose notizie fuorvianti sulla tecnologia AI, esso comunica qualcosa di onesto sullo stato di quest’ultima: è ancora una bambina. È importante essere cauti: non stiamo crescendo un mostro.

Redazione Rumore
Redazione Rumorehttps://rumoremag.com
Rumore è da oltre 25 anni il mensile di riferimento per la cultura alternativa italiana. Musica (rock, alternative, metal, indie, elettronica, avanguardia, hip hop), soprattutto, ma anche libri, cinema, fumetti, tecnologia e arte. Per chi non si accontenta del “rumore” di sottofondo della quotidianità offerto dagli altri magazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Piu' letti

More like this
Related

RUMORE 100: i 100 dischi essenziali dei cantautori italiani

Rumore 100 è il nuovo progetto editoriale di Rumore e il secondo numero in edicola è dedicato ai 100 dischi essenziali del cantautorato italiano. Al suo interno 200 schede, 100 canzoni e altri 100 titoli indimenticabili

Le foto dei Karate al Circolo Magnolia di Milano – 01/08/2022

Starfooker ha documentato per noi la data milanese del tour della reunion dei Karate

Brian Eno, il nuovo album. Ascolta e guarda il video del singolo There Were Bells

There Were Bells è il primo singolo estratto dal nuovo album di Brian Eno, Foreverandevernomore, in uscita a ottobre

Rumore Week: dal ritiro delle accuse contro Bob Dylan fino all’addetto alla sicurezza al concerto di Kendrick Lamar

Il nostro riassunto della settimana, sopra e sotto i palchi. Dal 25 al 31 luglio 2022

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

 

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni quali cookie su un dispositivo (e/o vi accediamo) e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo, per personalizzare gli annunci e i contenuti, misurare le prestazioni di annunci e contenuti, ricavare informazioni sul pubblico e anche per sviluppare e migliorare i prodotti.

Con la tua autorizzazione noi e i nostri fornitori possiamo utilizzare dati precisi di geolocalizzazione e identificazione tramite la scansione del dispositivo. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori il trattamento per le finalità sopra descritte. In alternativa puoi accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire o di negare il consenso. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi